Lunedì 26 Febbraio 2024 - Anno XXII

L’India coloniale nelle foto d’epoca

  Alla Casa di Vetro di via Luisa Sanfelice 3, a Milano, si può visitare la mostra “L’India dell’Impero Britannico – Il Subcontinente nelle immagini della Società Geografica Italiana”. Aperta fino al 28 giugno, l’esposizione si snoda in un percorso iconografico dell’India dei primi decenni del ‘900 attraverso ritratti in studio, immagini scattate nelle città e nelle campagne, foto di monumenti storici ed edifici dell’epoca coloniale. Composta di 54 riproduzioni digitali di stampe originali conservate dalla Società Geografica Italiana, la mostra conduce il visitatore nell’India dei primi tre decenni del XX secolo. A scattare le immagini di cui si conoscono … Leggi tutto

L'India coloniale nelle foto d'epoca

 

Alla Casa di Vetro di via Luisa Sanfelice 3, a Milano, si può visitare la mostra “L’India dell’Impero Britannico – Il Subcontinente nelle immagini della Società Geografica Italiana”. Aperta fino al 28 giugno, l’esposizione si snoda in un percorso iconografico dell’India dei primi decenni del ‘900 attraverso ritratti in studio, immagini scattate nelle città e nelle campagne, foto di monumenti storici ed edifici dell’epoca coloniale. Composta di 54 riproduzioni digitali di stampe originali conservate dalla Società Geografica Italiana, la mostra conduce il visitatore nell’India dei primi tre decenni del XX secolo. A scattare le immagini di cui si conoscono gli autori sono gli italiani Gino Bandini, Maurizio Piscicelli, Antonio Sturla, Massimo Terzano e Giotto Dainelli. Gino Bandini è in India nel 1903. Fotografa le città, i monumenti, le campagne, soffermandosi in particolare a ritrarre il gruppo etnico predravidico dei Bhil. Ma propone anche numerosi ritratti, in particolare di gruppi appartenenti alle diverse religioni e caste in cui è divisa la società indiana. Maurizio Piscicelli è in India tra il 1913 e il 1914. Fotografa soprattutto le città di Benares e Calcutta lasciandosi affascinare dal fiume Gange e dai riti religiosi induisti che si svolgono lungo le sue rive. Antonio Sturla nel subcontinente indiano è presente tra il dicembre del 1932 e il gennaio del 1933. I suoi soggetti preferiti sono le persone, spesso appartenenti ai ceti popolari, colte in strada o nelle campagne nella loro quotidianità. Massimo Terzano e Giotto Dainelli contribuiscono con immagini scattate durante le spedizioni esplorative e scientifiche sulle montagne dell’Himalaya a cui hanno preso parte. Il primo con uno scatto realizzato sulla catena del Karakoram. Il secondo con una foto tratta da una serie dedicata alle danze buddiste in Ladakh.

LEGGI ANCHE  Il nuovo design italiano a Bilbao

(22/05/2013)

 

Info: www.effeci-facciamocose.com

Condividi sui social: