Sabato 13 Aprile 2024 - Anno XXII

La foca monaca fa vincere un weekend alle Egadi

  Ne avevamo dato notizia qualche settimana fa: la foca monaca, uno degli animali più protetti al mondo, è tornata a vivere nei mari italiani, da dove la caccia e l’inquinamento l’avevano fatta fuggire. I ricercatori dell’Ispra con il supporto dell’Area marina protetta delle Isole Egadi hanno cercato, scoperto, fotografato e studiato una splendida femmina adulta che ha scelto come rifugio una grotta sulla costa delle isole Egadi, in Sicilia al largo di Trapani. Il Ministero dell’Ambiente, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e l’Area marina protetta delle Egadi hanno organizzato il concorso “Il nome della … Leggi tutto

La foca monaca fa vincere un weekend alle Egadi

 

Ne avevamo dato notizia qualche settimana fa: la foca monaca, uno degli animali più protetti al mondo, è tornata a vivere nei mari italiani, da dove la caccia e l’inquinamento l’avevano fatta fuggire. I ricercatori dell’Ispra con il supporto dell’Area marina protetta delle Isole Egadi hanno cercato, scoperto, fotografato e studiato una splendida femmina adulta che ha scelto come rifugio una grotta sulla costa delle isole Egadi, in Sicilia al largo di Trapani. Il Ministero dell’Ambiente, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) e l’Area marina protetta delle Egadi hanno organizzato il concorso “Il nome della foca”. Una competizione pensata per due categorie di partecipanti. La prima si rivolge ai ragazzi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie delle Isole Egadi, che dovranno produrre degli elaborati dedicati alla foca e indicare il nome: il migliore si aggiudicherà una fotocamera subacquea. La seconda, invece, è aperta a tutti gli utenti della rete che vorranno registrarsi al sito www.ampisoleegadi.it e segnalare i loro nomi preferiti, per avere la possibilità di vincere un fine settimana nell’Area marina protetta delle Isole Egadi, la più grande d’Europa.

(31/05/2013)

LEGGI ANCHE  Visita al Mausoleo di Sant'Elena
Condividi sui social: