Lunedì 15 Luglio 2024 - Anno XXII

L’illuminata Salerno

Con molta buona volontà, un po’ di decisionismo e un pizzico di follia creativa a Salerno si è sviluppata una realtà vivace e ordinata che migliora la qualità della vita. Questo è il momento giusto per visitarla, per lo spettacolo luminoso “Luci d’Artista” acceso fino a gennaio

Salerno, la sera sul lungomare
Salerno, la sera sul lungomare

Abituati, purtroppo, a certi stereotipi sul Meridione, visitare Salerno è una bella sorpresa. La città punta, giustamente, sul turismo. La sua storia, la posizione geografica, i prodotti tipici del territorio e, non ultimo, il collegamento alla rete di Alta Velocità ferroviaria rendono Salerno una destinazione potenzialmente ottimale. Tante sono le destinazioni “potenzialmente ottimali” nel nostro Paese, il problema è vedere se queste potenzialità vengono poi espresse effettivamente. Salerno, per fortuna, ce la fa. Da qualche anno la Giunta ha intrapreso un potente lavoro di risanamento. Al primo posto è stata messa la sicurezza, dei cittadini e, di conseguenza, dei turisti. Parlando con un barista nel centro storico costui mi assicurava che si può circolare tranquillamente per i vicoli anche di notte. Al secondo posto la pulizia. Salerno è una delle città con la più alta percentuale di riciclo e le strade e i giardini si presentano puliti e ordinati.

Galleria d’arte notturna

foto Massimo Pica/Comune di Salerno
foto Massimo Pica/Comune di Salerno

Per tre mesi, da novembre 2013 a gennaio 2014, il centro storico e il lungomare si trasformano in una galleria d’arte virtuale dove migliaia e migliaia di lampadine e neon colarti sono assemblati da artisti specializzati di fama internazionale per comporre immagini astratte o figure luminose che, posizionate negli angoli più suggestivi di Salerno, li valorizzano ulteriormente in un gioco di continui rimandi tra l’architettura e la creazione. Ogni opera è pensata per essere posizionata in un dato punto in modo da creare l’effetto migliore.

La luce del Sud

foto Massimo Pica/Comune di Salerno
foto Massimo Pica/Comune di Salerno

Sicurezza e pulizia sono due “plus” notevoli per i turisti, che si sommano alle altre bellezze. Salerno è il capoluogo di una grande provincia, un territorio al cui interno ci sono zone turistiche importantissime, come la Costiera Amalfitana, Paestum o il Cilento…

LEGGI ANCHE  Con il treno a vapore fino a Caporetto

Questa grande e importante offerta mette talvolta in secondo piano le bellezze della città che, spesso è solamente un luogo di interscambio e di passaggio. Una delle sfide per l’amministrazione locale è quella di cambiare questa situazione valorizzando l’esistente e creando nuove manifestazioni. Una di queste che sta riscuotendo un grande successo, è “Luci d’Artista”, giunta all’8ª edizione.

Orgoglio di sindaco

Il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, a sinistra, e il critico d'arte Vittorio Sgarbi all'accensione di Luci d'Artista
Il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca, a sinistra, e il critico d’arte Vittorio Sgarbi all’accensione di Luci d’Artista

Una programmazione mirata permette di allungare la stagione turistica con grandi ricadute su tutto l’indotto come ha dichiarato il Sindaco di Salerno, Vincenzo De Luca: “Luci d’Artista è ormai diventato un evento culturale ed economico di rilievo nazionale ed internazionale. Le navi da crociera hanno prolungato la stagione fino a dicembre per permettere ai turisti di visitare la città in questo periodo. Abbiamo richieste di gemellaggi da Bruxelles e da Venezia. Alberghi e b&b, in città e in provincia, fanno già registrare il tutto esaurito. Tutto questo testimonia l’ormai avvenuto consolidamento di un’economia turistica. E inizia anche a maturare tra gli operatori una cultura di sistema che porta all’ideazione di proposte e canali informativi unitari. Dobbiamo lavorare ancora in questa direzione -ha aggiunto De Luca- perché non tutte le istituzioni sono ancora sintonizzate. Con le nostre sole forze, eccezion fatta per un probabile contributo della Camera di Commercio, sosteniamo l’evento turistico più importante della Campania e del Sud Italia, che darà serenità e respiro ai comparti economici più direttamente interessati, non solo in città ma in tutta la Provincia”.

Primavera a Natale

In Piazza Flavio Gioia,
In Piazza Flavio Gioia, “La primavera rinascimentale”. Foto Massimo Pica/Comune di Salerno

“Neve di primavera” è il tema di quest’anno. Alle tradizionali composizioni di carattere natalizio e invernale (“Giardino d’Inverno”, albero di Natale, slitta, renne…) si aggiungerà una raffigurazione della “Primavera” di Botticelli, l’opera-simbolo che sarà installata in Piazza Flavio Gioia. Il tema della primavera, sotto forma del ciliegio, torna anche in diverse zone del centro storico. Alla Villa Comunale il “Giardino incantato” sarà la nuova scenografia di quest’angolo della città. Altra novità sul lungomare dove, oltre agli stand dei mercatini di Natale, sono collocate alcune figure sulla scogliera nei pressi di Piazza Cavour. Gli artisti della luce Nello Ferrigno e Luca Pannoli illuminano rispettivamente via Velia e via Diaz e dintorni con le loro opere “Il mito” e “Cyrcus”.

LEGGI ANCHE  Conosciamo la Basilicata volando sulle Dolomiti

Anche quest’anno è riproposto il gemellaggio con San Gregorio Armeno: la famosissima strada dei presepi nel centro storico di Napoli sarà illuminata dalle Luci d’Artista, mentre a Salerno arriveranno alcuni preziosi presepi napoletani del ‘700.

Condividi sui social: