Martedì 21 Maggio 2024 - Anno XXII

La Val Gardena si muove bene

Col nuovo anno parte nella valle altoatesina il progetto “Mobilità gratuita”. Per chi alloggia negli hotel associati agli uffici turistici della valle uso gratuito di autobus di linea e skibus

Una Card per girare ovunque

La Val Gardena si muove bene

In particolare dal 26 giugno 2009, anno in cui le Dolomiti sono entrate a far parte del Patrimonio Naturale dell’UNESCO, la Val Gardena, che ospita il Parco naturale Puez-Odle, il sito a nord ovest del Bene Dolomiti, attraverso le Associazioni per la promozione a fini turistici del territorio, ha elaborato progetti per la riduzione dei danni all’ambiente, che un turismo di tipo massivo inevitabilmente produce. Lo stesso progetto “Mobilità gratuita” si inserisce in un quadro di iniziative  che include manifestazioni come l’Eco-Sellaronda Bike Day e l’Eco-Dolomites (ogni anno a settembre), la Val Gardena Card, la carta di mobilità per l’uso di impianti di risalita e autobus, e altre buone pratiche, come la separazione e il riciclaggio dei rifiuti nei tre comuni di Ortisei, Santa Cristina e Selva o la costruzione di case ed edifici per ridurre la dispersione energetica. Trascorrere in definitiva una vacanza in Val Gardena, dove si tramandano e salvaguardano le tradizioni della comunità ladina, rappresenta anche un’opportunità per essere attivamente partecipi di un progetto di attenzione e salvaguardia di un paesaggio unico al mondo. Info: www.valgardena.it.

(18/11/2013)

La Val Gardena si muove bene

 

Se state programmando nel 2014 una vacanza in una delle località della Val Gardena – ad esempio a Ortisei, a Santa Cristina o a Selva Gardena – considerate la possibilità di raggiungere la vostra destinazione con i mezzi pubblici. Dal nuovo anno, infatti, partirà il progetto “Mobilità gratuita”,  che offre l’opportunità di usufruire  gratuitamente dei servizi autobus (bus di linea e skibus) per gli ospiti delle strutture associate agli uffici turistici della Val Gardena, così da ridurre l’utilizzo di veicoli individuali a motore nella valle. Ridurre il  traffico e  sviluppare contestualmente una mobilità sostenibile è un obiettivo primario per tutto l’Alto Adige, territorio da prendere ad esempio per la sua capacità di valorizzazione turistica e di rispetto per l’ambiente, che negli ultimi anni ha saputo elaborare progetti e proporre servizi  che hanno incontrato il favore dei turisti europei e non.

LEGGI ANCHE  Alla scoperta dei borghi meno noti della Valtellina
Condividi sui social: