Venerdì 14 Giugno 2024 - Anno XXII

Turismo e pagamenti elettronici, dove è possibile usare i Bitcoin

Il mondo della moneta elettronica si allarga: adesso è possibile comprare un viaggio online o soggiornare in hotel utilizzando il sistema Bitcoin. Vediamo dove e in che modo

Turismo e pagamenti elettronici, dove è possibile usare i Bitcoin

I pagamenti elettronici hanno semplificato la vita di molti consumatori che, grazie alle carte di credito hanno avuto la possibilità di pagare comodamente senza spostarsi da casa, i propri acquisti. Con l’innovazione tecnologica e con lo sviluppo della moneta digitale, infatti, è stato possibile implementare la vendita di beni e servizi online: da un paio di scarpe a un viaggio, da un libro all’attivazione di un conto corrente bancario, adesso tutto è acquistabile online. Sicuramente scegliere la carta di credito più vantaggiosa è un buon inizio per mettere al sicuro le proprie transazioni di pagamento online ma presto potrebbero cambiare molte cose con l’avvento dei Bitcoin.

Bitcoin è un circuito che permette agli utenti iscritti, di poter pagare con una moneta virtuale alternativa, ovvero il bitcoin. Perché è alternativo questo sistema? Perché ha delle caratteristiche particolari che lo differenziano dal resto, una tra tutte la libertà da terzi intermediari. Nel dettaglio, infatti, il sistema Bitcoin funziona secondo una logica peer to peer, ovvero “da singolo a singolo” perché come detto prima, i pagamenti non hanno commissioni né controlli da parte delle banche. Questo fa sì che le transazioni che avvengono tramite questo circuito non subiscano inflazione e mantengano una certa trasparenza: la neutralità, poi, è un altro vantaggio che caratterizza questa community. L’altra faccia della medaglia è l’assenza di una normativa dedicata e di un organismo preposto al controllo. Il dibattito è aperto, dunque, intanto un nuovo corso è iniziato.  

Hotel, ristoranti e b&b in una mappa

Turismo e pagamenti elettronici, dove è possibile usare i Bitcoin

Il caso di Evolution Travel Italia non è isolato. Il mondo del turismo sta guardando con interesse alle potenzialità dell’utilizzo della moneta digitale. L’esperienza apripista a livello internazionale è stata quella di Virgin Galactic, la società del magnate britannico Richard Branson che ha cominciato a commercializzare i suoi viaggi nello spazio accettando i Bitcoin. Senza andare tanto lontano, cominciano ad affacciarsi anche in Italia le prime aperture in tal senso: a Milano, nel quartiere isola, il ristorante pizzeria Sticaus è il primo ad accettare i bitcoin. Hanno fatto parlare di sé anche alcuni alberghi, bed and breakfast e cascine sparse nelle varie regioni d’Italia. E’ il caso dell’Hotel Residence Gallery ad Alba Adriatica, in provincia di Teramo o l’albergo Bachmann ad Auna di Sopra, una località a nord di Bolzano. Il Bitcoin sembra piacere, insomma, e sarebbero centinaia gli esercenti che in Italia accettano transazioni con questo tipo di moneta. L’elenco si può consultare sulla mappa online CoinMap.org. Una mappa in continuo divenire.

LEGGI ANCHE  La storia dei Wabanaki conservata al Abbe Museum di Bar Harbor

(05/03/2014)

Da moneta elettronica a moneta digitale

Turismo e pagamenti elettronici, dove è possibile usare i Bitcoin

Pagare con i bitcoin, quindi, sembra essere un metodo conveniente e lo ha ben capito Evolution Travel Italia, la prima agenzia di viaggi online in Italia che permette di poter pagare con bitcoin i viaggi degli utenti che arrivano al sito. L’agenzia, infatti, ha da sempre lavorato su un’ottica di sviluppo in rete e ha seguito le logiche di sviluppo delle modalità di consumo dei suoi clienti: se è conveniente e sicuro pagare con i bitcoin, perché non permettere alla clientela di farlo anche per prenotare un viaggio? Come ha detto lo stesso responsabile della sezione web marketing dell’agenzia Riccardo Vettore, “da sempre stiamo al passo con l’andamento del web e la stessa Evolution Travel Italia si può identificare, in un certo senso, con la rete, poiché nasce per sfruttarne le infinite possibilità al fine di creare un’alternativa “diffusa” alla tradizionale agenzia di viaggi…”.  

Quanto detto infatti, conferma la struttura che ha via via preso il lavoro dell’agenzia e che aderisce alle logiche su cui si basa la community di Bitcoin: “I nostri consulenti – continua Vettore – attraverso internet, raggiungono i clienti e instaurano con loro un rapporto di fiducia che li porta a costruire insieme una proposta di viaggio”. “Per questo – conclude il responsabile web marketing di Evolution Travel Italia – abbiamo voluto aggiungere Bitcoin alle nostre modalità di pagamento. Questa forma di libertà e indipendenza ci rappresenta e garantisce trasparenza e sicurezza a tutti. Tra le scommesse in palio c’è anche quella di essere uno degli attori che sono attivi in ambito italiano per favorire la diffusione della moneta digitale, forma di pagamento indipendente che esula dal controllo di un’entità centrale”.

LEGGI ANCHE  Gianfranco Battisti eletto alla guida di Federturismo
Condividi sui social: