Domenica 13 Giugno 2021 - Anno XIX
In Valtellina si vola

In Valtellina si vola

Questa settimana vi proponiamo un’esperienza davvero particolare. Il volo su fune, un’avventura per tutti da abbinare magari a una scorpacciata di pizzoccheri e bresaola

Allargare le braccia come fossero ali e spiccare il volo. Un sogno antico quanto l’uomo, un’avventura che si può provare in Valtellina, a una decina di chilometri sopra Morbegno, ad Albaredo per San Marco, minuscolo borgo di una manciata di casette raccolte intorno alla cinquecentesca chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano. Il paesino ha ritrovato una nuova giovinezza turistica grazie a un’idea molto particolare: dal 2011 sono partite le corse di Fly Emotion, la seconda attrazione del genere in Italia accanto al Volo dell’Angelo, sulle Dolomiti Lucane, in Basilicata. Due realtà e due storie diverse, un’emozione simile. Imbragatura e caschetto protettivo assicurati dai gentili ragazzi dello staff danno il via libera al brivido di sorvolare la verde Valle del Bitto. L’esperienza si può provare da soli o in coppia, sdraiati a pancia in giù uno sull’altro, agganciati con un carrello a un solido cavo d’acciaio. In completa sicurezza si è sospinti solo dalla forza di gravità del proprio corpo che ti fa scivolare veloce lungo il cavo, sospesi a circa 400 metri da terra, per un chilometro circa. Una veletta affissa al carrello crea quel tanto di attrito da moderare la velocità.

Andata e ritorno con vista

Un’avventura più bella che emozionante, ad essere sinceri. Il batticuore iniziale lascia subito spazio alla meraviglia del volo, alla vista panoramica di un tratto di valle qui nel Parco Nazionale delle Orobie. La corsa dura appena un minuto ma ti fa raggiungere i 100 chilometri orari nel picco più veloce e come una giostra, vorresti subito ripartire! All’arrivo, niente paura. Un sistema di frenata arresta dolcemente il carrello.
I tratti da sorvolare sono due: un cavo per l’andata da Albaredo per San Marco a Bema e l’altro per il ritorno (il punto di aggancio per il ritorno si raggiunge in pochi minuti con una navetta). Due diversi “gradi” di emozione visto che l’andata, più moderata e dolce ti prepara al secondo volo, più ripido ed emozionante. Anche i bambini possono provare Fly Emotion, non sono richieste doti particolari, né alcun tipo di allenamento, purché si rientri nei parametri indicati dal regolamento: un’altezza minima di 110 cm e alcuni accorgimenti precisi sul peso: per il volo in singolo, peso min. 70Kg, peso max 120Kg; per il volo in coppia: peso min. 100Kg, peso max 180Kg (intesa come somma dei due pesi).  

Dal rafting ai pizzoccheri

Pizzoccheri come ricompensa del volo
Pizzoccheri come ricompensa del volo

Dicevamo che il volo su fune ha contribuito a risvegliare il turismo in questo angolo di Valtellina messo un po’ in ombra dalle mete più frequentate. L’intuizione degli ideatori (una realtà privata con base nel Regno Unito) è stata quella di abbinare l’esperienza ad altre iniziative legate al territorio e alla sua valorizzazione: così chi viene ad Albaredo per San Marco può librarsi in volo e affiancare alcune proposte extra quali rafting, canyoning, Go Kart, nordic walking, terme, equitazione fino al laboratorio per imparare a preparare i pizzoccheri. Particolare attenzione è rivolta poi alle persone disabili, con speciali giornate a loro dedicate per trascorrere una giornata decisamente diversa dal solito.  

 

Info: http://www.flyemotion.it/it

 

(08/07/2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA