Domenica 26 Maggio 2024 - Anno XXII

Scrutare la montagna con il binocolo

Il binocolo installato a Gimillian (Cogne)Si è conclusa la scorsa settimana l’installazione dei 14 binocoli panoramici Giroparchi sul territorio del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco Naturale Mont Avic. Dopo le prime sei installazioni si sono aggiunte per il Parco Nazionale Gran Paradiso quelle di Cogne (Gimillan e Mont Tseuc), Valsavarenche (località Pont), mentre per il parco naturale Monte Avic quelle di Champorcher (Rifugio Misérin, Rifugio Dondena, Ristoro Muffé) e di Champdepraz (Praz Oursie e Rifugio Barbustel).Si tratta di 14 telescopi binoculari che consentiranno a turisti ed escursionisti di ammirare le bellezze naturalistiche dell’area con una visione panoramica. Alla … Leggi tutto

Il binocolo installato a Gimillian (Cogne)
Il binocolo installato a Gimillian (Cogne)

Si è conclusa la scorsa settimana l’installazione dei 14 binocoli panoramici Giroparchi sul territorio del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco Naturale Mont Avic. Dopo le prime sei installazioni si sono aggiunte per il Parco Nazionale Gran Paradiso quelle di Cogne (Gimillan e Mont Tseuc), Valsavarenche (località Pont), mentre per il parco naturale Monte Avic quelle di Champorcher (Rifugio Misérin, Rifugio Dondena, Ristoro Muffé) e di Champdepraz (Praz Oursie e Rifugio Barbustel).

Si tratta di 14 telescopi binoculari che consentiranno a turisti ed escursionisti di ammirare le bellezze naturalistiche dell’area con una visione panoramica. Alla base di ogni binocolo vi è una veduta area incisa su una lastra in pietra di Lusema che indica le principali montagne visibili nello spettro di 180 gradi, in modo da guidare lo sguardo del turista.

Siamo convinti che iniziative come questa valorizzino il territorio, con la proposta di servizi che sono segno di attenzione verso chi frequenta le Terre Alte – ha commentato Vittorio Stefano Anglesio, Presidente di Fondation Grand Paradis – Le attività che negli anni abbiamo portato avanti con il Progetto Giroparchi sono state portatrici di valore aggiunto per il turista, ma anche per il cittadino, e dimostrano il nostro impegno verso una riscoperta a 360 gradi dei nostri Parchi e della nostre montagne”.

(15/09/2014)

LEGGI ANCHE  Il Ghetto ebraico di Roma
Condividi sui social: