Sabato 20 Luglio 2024 - Anno XXII

I figli influenzano il turismo familiare

Finanziato dai risparmi dei nonni e alimentato dalla voglia di viaggiare dei nipoti nei prossimi anni il turismo familiare è destinato a crescere in modo rilevante. Questo almeno è quanto si evince dal sondaggio condotto negli USA da Preferred Hotel Group sulle tendenze emergenti nel campo del cosiddetto “turismo multigenerazionale”, i viaggi con tutta la famiglia figli e nonni al seguito. La ricerca conferma che è forte il desiderio di “trascorrere più tempo con la famiglia in vacanza“, un trend che era emerso per la prima volta dopo l’11 settembre. Secondo lo studio, questa stessa motivazione è ora amplificata dai … Leggi tutto

figli

Finanziato dai risparmi dei nonni e alimentato dalla voglia di viaggiare dei nipoti nei prossimi anni il turismo familiare è destinato a crescere in modo rilevante. Questo almeno è quanto si evince dal sondaggio condotto negli USA da Preferred Hotel Group sulle tendenze emergenti nel campo del cosiddetto “turismo multigenerazionale”, i viaggi con tutta la famiglia figli e nonni al seguito. La ricerca conferma che è forte il desiderio di “trascorrere più tempo con la famiglia in vacanza“, un trend che era emerso per la prima volta dopo l’11 settembre. Secondo lo studio, questa stessa motivazione è ora amplificata dai ritmi frenetici della vita e dal senso di colpa che molti genitori provano per non aver sufficiente tempo da dedicare ai propri figli.

figli Walt Disney World ad Orlando, Florida
Walt Disney World ad Orlando, Florida

I risultati della ricerca evidenziano che:
1. I figli adorano organizzare – Complessivamente il 40% di nonni e genitori afferma che i figli “partecipano attivamente all’organizzazione della vacanza, quando addirittura non la influenzano”, specie per quanto riguarda le attività quotidiane (77%), e di solito sono loro che decidono quali luoghi visitare (62%).
2. I nonni sono felici di mettere mano al portafoglio – I nonni, molto più dei genitori (35% contro 25%), sono maggiormente disposti ad accollarsi le spese di una vacanza multigenerazionale, sostenendo che “aiuta la famiglia a godersi una vacanza che altrimenti non potrebbe permettersi”.
3. Le mete classiche vanno di moda – Il parco dei divertimenti di Orlando, in Florida, (25%) e i grandi parchi nazionali americani (17%) sono in cima alle destinazioni che i viaggiatori multigenerazionali statunitensi dichiarano di voler visitare nei prossimi due anni; i Caraibi (29%) e l’Europa occidentale (28%) sono invece le prime “destinazioni da sogno” internazionali. Le mete europee più ambite sono l’Italia (17%), l’Inghilterra (16%) e la Francia (16%).
4. L’opinione di Facebook conta — Facebook è il social network più popolare tra i viaggiatori multigenerazionali e il 73% di essi dichiara di avere un profilo su questo sito.  I messaggi ‘postati’ sui social media influenzano le decisioni di questo tipo di persone e il 40% di esse afferma di avere “almeno in parte scelto la destinazione in base alle informazioni, foto e video trovate sui social network”.
5. L’anno prossimo lo rifacciamo – Il 77% di quanti hanno fatto una vacanza multigenerazionale ha manifestato “l’intenzione di organizzare una vacanza come questa ogni anno” – un proposito particolarmente sentito tra i giovani (91%) e tra i 30-50enni (80%).

LEGGI ANCHE  Dalla Terra alla Luna, educare i bambini alla mobilità
Condividi sui social: