Lunedì 15 Luglio 2024 - Anno XXII

Un viaggio alla scoperta dell’ Umbria più nascosta

Sedici ipogei, oltre 40 monumenti sotterranei visitabili e un sito web multilingue, con l’obiettivo di creare itinerari turistici tematici dedicati, e’ il patrimonio della regione che racconta il progetto “Umbria underground: archeologia ed architettura in primo piano”

Progetto 'Umbria underground: archeologia ed architettura in primo piano'
Progetto ‘Umbria underground: archeologia ed architettura in primo piano’

Sedici ipogei, oltre 40 monumenti sotterranei visitabili e un sito web multilingue, con l’obiettivo di creare itinerari turistici tematici dedicati,  e’ il patrimonio della regione che racconta il progetto “Umbria underground: archeologia ed architettura in primo piano” attraverso il sito http://www.umbriasotterranea.it/.
“Il turismo culturale e’ uno dei temi forti dell’Umbria” secondo Antonella Tiranti, dirigente del Servizio Turismo della Regione. “Questo progetto – prosegue – consente di mettere in rete e valorizzare sotto il brand Umbria la ricchezza di un territorio anche nei suoi luoghi meno noti. Dopo questa prima fase del censimento mirato non solo agli aspetti culturali, ma anche e soprattutto alla fruibilita’, l’obiettivo e’ trasformare il tutto in una offerta turistica integrata. Un lavoro sistematico che fa da spunto per tutte le altre eccellenze che insistono intorno. Emozioni, esperienze, scoperte che si sperimentano, che fanno vivere il territorio. Come uno story telling che diventa motivo di attrazione e permanenza anche nei luoghi meno conosciuti”.

Prevista una seconda fase del progetto, con l’allargamento dei luoghi e delle iniziative coinvolte con una serie di proposte tutte aperte e tutte da costruire con i vari soggetti interessati, pubblici e privati. Partendo dalle eccellenze agroalimentari, dell’artigianato, per arrivare ad una variegata serie di proposte, anche sul turismo accessibile per i disabili. Un modo innovativo di proporre l’Umbria con la consapevolezza che il progetto funziona solo con la logica di rete e collaborazione tra istituzioni e operatori. “Una volta conclusa la prima parte – dice ancora la Tiranti – bisognera’ iniziare a promuovere nei vari mercati sensibili come Inghilterra, Germania, Olanda e Nord Europa”.
“L’Umbria e’ la prima regione in Italia di cui ci si e’ occupati scientificamente (oltre 40 anni fa) di sotterranei e cavita’ artificiali” grazie anche agli Enti pubblici sensibili, sottolinea Fabrizio Ardito, fotografo e giornalista. “Gli ipogei per ora censiti, cui certamente se ne aggiungeranno altri nei prossimi mesi, si trovano – spiega – ad Amelia, Assisi, Castel Viscardo, Cesi, Citta’ della Pieve, Citta’ di Castello, Gubbio, Massa Martana, Narni, Norcia, Orvieto, Panicale, Perugia, Spoleto, Terni e Todi. E dimostrano che il patrimonio sotterraneo visitabile e’ realmente diffuso su tutto il territorio regionale. E permettono di comporre a piacimento, in uno spazio geografico ristretto che facilita la visita di luoghi differenti ma vicini tra loro, diversi itinerari dedicati al cuore misterioso dell’Umbria”.

LEGGI ANCHE  Benvenuti al Grand Hotel Savoia
Condividi sui social: