Venerdì 6 Dicembre 2019 - Anno XVII
Islanda bella ma cara

Islanda bella ma cara

Sapevate che… A proposito della mancata notifica del costo di un caffè e/o di una bottiglietta di acqua minerale in un bar islandese ci spinge a deprecare l’assenza di “quanto costa” nelle recensioni di alberghi, balere e ristoranti? A proposito della conduttrice Ilaria D’Amico, tanti Lapsus sono di origine Freudiana….? Dopo le ben note vicende di Mafia Capitale suggeriamo una timida proposta, non politica, bensì dettata dalla praticità?

Piatto tipico Islanda

Þorramatur, piatto tipico islandese

Sapevate che… Il modesto know how di Mondointasca Gossip si permette immodestamente una ‘aggiunta’ alle dotte info turistiche del Corriere della Sera (su destinazioni suggerite da Dove)?
In Tempi Liberi (5/6, pag. 31) l’”esperta” M. Pro. suggerisce decantando (o decanta suggerendo) di andare in Islanda, lodandone (e ha ragione) le grandi bellezze naturali. Si dimentica soltanto di ricordare che colà la vita è carissima (beati loro, è segno che i danèe li hanno perché sia i locali sia i turisti pagano gli stessi importi e nella capitale, ad esempio, non esiste una “Carta Reykjavik tipo la – ‘scontante’ – “Carta Venezia” ). Chi nutrisse dubbi sul ‘carovita’ nella peraltro bellissima Islanda si informi sul costo di una bottiglietta di acqua minerale, o di un caffè, al bar.  

Sapevate che… La suesposta lamentela a proposito della mancata notifica del costo di un caffè e/o di una bottiglietta di acqua minerale in un bar islandese spinge questa umile rubrica a deprecare l’assenza di “quanto costa” (danèe da sganciare) nelle recensioni di alberghi, balere e (soprattutto) ristoranti?
Qui si è mangiato da dio, là una pappata alla grande, e vabbè, ma per quanto? E invece (quasi) mai una volta che si informi quanti euro abbiamo in meno all’uscita da un ristorante. E il conteggio (già detto) non è impossibile: basterebbe segnalare il costo medio (la somma del piatto più caro e di quello meno caro, divisa per due, di “primi” e “secondi” e il costo ‘minimo’ di un litro di vino ‘della casa’) e il lettore sa già ‘di che morte muore’.

Ilaria D'Amico

Ilaria D’Amico

Sapevate che… Mica per niente tanti Lapsus sono di origine Freudiana….?
Presentatrice (e così oltre a una slungata di euro a mo’ di ‘cachet’ ci saranno scappati anche tanti bei passaggi free in aereo, per due – l’altro a nome Buffon – beninteso in business) all’esordio del nuovo logo Alitalia (“in Etihad”, per dirla secondo lo stato civile) la d’Amico invece di dire “il rafforzamento del marchio” ha detto “il rafforzamento del maschio” (accade – appunto “freudianamente” – a molte signore, che non è azzardato definire ermafrodite, datosi che un organo altrui ce l’hanno in testa ….).

Sapevate che… Adesso che (era ora!) Alitalia è andata in sposa (per di più agli sceicchi con i petrodanèe che d’ora in poi penseranno loro a ripianarne i puf, almeno così si spera) gli italiani si ritroveranno, finalmente, con qualche soldino in più?
Eh sì, e a proposito di debiti di Mamma Alitalia non più tardi di una settimana fa questa balda rubrica aveva notificato con precisione il pozzo di san Patrizio di lire ed euro costato nei decenni ai sudditi italiani per “ripianare” le allegre gestioni della compagnia aerea (adesso) del Luca … che faceva già il capo dei treni e adesso – divenuto capo anche degli aerei – gli manca solo di comandare un paio di mosconi (fuori dalle coste romagnole noti come pattìni, accento sulla I …. Terra Mare Cielo, che era poi uno slogan della Fiat ….).   

Sergio Mattarella ad Expo

Sergio Mattarella ad Expo

Sapevate che… Dopo le ben note vicende di Mafia Capitale questa umile rubrica avanza (ma non perché Mondointasca è meditato e concepito a Milano) una timida proposta, non politica, bensì dettata solo dalla praticità?
Trasferire il Campidoglio a Regina Coeli.

Sapevate che… Le tette ci sono per essere ciucciate?
Giuseppe Sala, amministratore della manifestazione mondiale milanese, ai pm (Corriere, 5/6): “Dai soci di Expo richieste continue”.

Sapevate che… In visita all’Expò il presidente della Repubblica Mattarella ha firmato la “Carta di Milano”?
Vista la di lui residenza gli sarebbe risultato più comodo firmare una “Carta di Roma”, solo che quelli di Mafia Capitale gli avevano chiesto una mazzetta del 20%.

Sapevate che… Sempre a proposito di Expò e della campagna antispreco di cibo nel mondo, in occasione della presentazione della Catalogna (o Catalunya per gli indipendentisti di quella regione spagnola) l’inviato (molto) speciale di Mondointasca Gossip si è sobbarcato una nuovissima “esperienza gastro” mica da poco?
Eh sì, nella pappatina finale è apparso un fritto (stranamente) sconosciuto all’inviato (molto) speciale: trattavasi (grandissima novità) di buccia/pelle di patate fritte (e sembra che stia andando di moda anche la buccia fritta delle zucche), un ‘fritto’ davvero gustoso, solo che, al 5° cartoccio, il fegato ha discretamente informato che esisteva anche lui …

© RIPRODUZIONE RISERVATA