Martedì 18 Giugno 2024 - Anno XXII

Heiva I Tahiti, celebrare la vita con danza e sport

Heiva I Tahiti, orchestra

Dal 2 al 18 luglio 2015, canti, danze, musiche e attività sportive tradizionali saranno i grandi protagonisti a Papeete per la 134esima edizione del festival Heiva I Tahiti, il più antico della Polinesia Francese

Heiva I Tahiti, ballerina
La danza è la protagonista del Festival Heiva I Tahiti

La musica, la danza, il canto e lo sport sono da sempre parte integrante della cultura polinesiana che, ancora oggi, appare più viva che mai sulle Isole di Tahiti con numerose manifestazioni che ne celebrano la ricchezza come l’ Heiva I Tahiti, un evento che sottolinea il senso di comunità delle attività tradizionali polinesiane, fin dal nome, unendo i termini “hei” (assemblare) e “va” (attività, passatempo, esercizio fisico, festival).

Molto più di un semplice festival, l’ Heiva I Tahiti è il simbolo della cultura polinesiana, nonchè un evento iconico per un popolo così fiero delle proprie tradizioni. La danza, considerata nell’antichità la più sofisticata forma d’arte e utilizzata per riti politici e religiosi, è alla base di questa celebrazione unica fin dalla prima edizione, organizzata nel 1881 con il nome di Tiurai (“Luglio, il mese dei festeggiamenti”). Ancora oggi, coreografie e costumi ispirati a temi storici o leggendari fanno parte di queste danze tradizionali, affiancate in genere da musica dal vivo e canti. Il suono di flauto nasale e ukulele domina le melodie delle orchestre di musicisti che accompagnano i canti tradizionali, con melodie a cappella in “reo ma’ohi” che esprimono momenti di gioia e melanconia. Durante l’ Heiva I Tahiti, ampio spazio è dedicato anche allo sport e ai giochi tradizionali come, ad esempio, la gara di sollevamento delle pietre, il lancio del giavellotto, la canoa polinesiana e il trasporto della frutta.

Quest’anno, l’appuntamento è dal 2 al 18 luglio a Papeete, in Place To’ata.

LEGGI ANCHE  Venezia, chiude in bellezza il Festival delle Ville Venete
Condividi sui social:

Lascia un commento