Martedì 27 Settembre 2022 - Anno XX
A piedi sulla Via di Francesco, taccuino di viaggio

A piedi sulla Via di Francesco, taccuino di viaggio

In occasione del Giubileo straordinario della Misericordia e dell’anno nazionale dei cammini che coinvolge l’Umbria, il Touring Club Italiano ha pubblicato “La Via di Francesco”. La guida taccuino di Fabrizio Ardito che ripercorre le tracce del poverello di Assisi: San Francesco

La-Via di Francesco

La Via di Francesco, di Fabrizio Ardito

L’Umbria, dopo Roma, è probabilmente il territorio in cui il turismo può mettersi al servizio dei viaggiatori a piedi, siano pellegrini o viandanti, mossi da motivazione religiosa, spirituale, o dal desiderio di scoperta naturalistica o culturale. Per ripercorrere le tracce del santo più amato e più famoso d’Italia: San Francesco d’Assisi, il Touring Club Italiano ha proposto la guida taccuino “La Via di Francesco”. Un tracciato senza particolari difficoltà che attraversa valli e paesaggi rurali che, accanto alla descrizione delle tappe del percorso francescano, lascia lo spazio per un ‘diario di viaggio’ che ciascuno può personalizzare con le proprie note e i propri appunti. La Via di Francesco è un sistema di sentieri che affianca e a tratti si sovrappone alla Via Francigena, fino a raggiungere Roma. Punto di partenza è iI Santuario Francescano della Verna (Chiusi di Arezzo, in Toscana), fondato nel 1213 in uno dei luoghi più cari al Santo di Assisi, e dove ricevette le stimmate.
Il libro La Via di Francesco, scritto Fabrizio Ardito, si snoda lungo 30 tappe, dal monastero della Verna in Toscana fino ad Assisi, attraverso tutta l’Umbria, per proseguire in terra laziale fino alla valle Reatina e infine approdare a Roma. Ognuno di questi luoghi ha avuto un’importanza fondamentale nella vicenda francescana, e soprattutto ogni monastero, basilica o eremo conserva una parte dell’anima e della suggestione legata alle antiche vicende di Francesco. Ogni tappa è corredata dal profilo altimetrico. Un tracciato che si snoda tra valli e paesaggi rurali, borghi medievali e città di straordinario fascino come Città di Castello, Gubbio, Foligno, Spoleto, per citarne alcune, in un percorso in cui testimonianze artistiche e bellezze paesaggistiche si fondono perfettamente con la dimensione spirituale del viaggio. Poco meno di 500 km (484 per l’esattezza, escluse le varianti) separano il panoramico e silenzioso terrazzo del convento della Verna, nel cuore dell’Appennino toscano, dal brusio affollato e multilingue della spettacolare piazza S. Pietro di Roma. Il percorso, per un camminatore allenato, può richiedere tra i 20 e i 22 giorni, con una media di circa 23 km al giorno.

Autore
Fabrizio Ardito, giornalista, amante del viaggio a piedi. Ha percorso il Cammino di Santiago, il tratto italiano della Via Francigena e molti altri itinerari on the road. È autore di guide, documentari, libri illustrati e articoli dedicati al cammino, alla natura, al viaggio.

La Via di Francesco, di Fabrizio Ardito, Touring Editore, pagine 192, € 14,90.

Leggi anche:

Oltre la strada. In moto per 23 mila chilometri

Barcellona: una libreria, una rosa, un grande amore

L’ultimo segreto di Mussolini

© RIPRODUZIONE RISERVATA