Domenica 22 Maggio 2022 - Anno XX
Turchia, pellegrinaggio a Efeso

Turchia, pellegrinaggio a Efeso

La casa di Maria Vergine tra storia e leggenda. In Turchia, nella città di Efeso, si trova l’ultima dimora di Maria, madre di Gesù Cristo. Il piccolo Santuario è luogo di pellegrinaggio di fedeli musulmani, cattolici, ebrei

efeso-01

Efeso

Efeso, città ionica dell’Anatolia, oltre ad essere un sito archeologico di notevole interesse, per i credenti e i cristiani è una città da visitare perché custodisce il luogo dove ha dimorato la Madonna, dopo essere fuggita da Gerusalemme alla morte del figlio Gesù Cristo. Dalla città di Smirne, che si affaccia sul lato sud-est della Turchia, si percorre la strada che conduce al sito archeologico di Efeso, molto rinomato per i resti di antiche popolazioni vissute tra il XIV secolo a.C. fino all’epoca dell’impero romano. Il sito racchiude rovine che sono tipiche delle civiltà appartenenti al bacino del Mar Mediterraneo e che ricordano l’Acropoli di Atene per caratteristiche simili: la grande piazza o Agorà, i templi dedicati ad Artemide, a Domiziano, Adriano, le Terme di Vario, il Teatro, la latrina pubblica, lo Stadio e la Biblioteca. Efeso è stata la terza città più potente del mondo antico dopo Roma e Alessandria d’Egitto.
Nei dintorni della città antica, attraverso un ingresso secondario che si affaccia sulla via Panaghia  Kapulu, s’incontra un cartello recante questa scritta in lingua turca “Meryem Ana Evi” che significa Casa della Vergine Maria, ovvero ciò che resta del passaggio di Maria Vergine.

 I fatti della Sacra Scrittura

gran-teatro-di-efeso

Gran teatro di Efeso

Nel Vangelo di San Giovanni, il più giovane dei discepoli di Gesù Cristo, si legge che Gesù, prima di morire, gli affidò sua Madre pronunciando queste parole: “Ecco tua madre”. A partire da quel momento Giovanni la prese con sé.
Si narra che alla morte di Gesù, a Gerusalemme iniziò un periodo di persecuzione contro i Cristiani e in particolare contro i discepoli di Gesù: Santo Stefano fu lapidato nel 37 a.C.; San Giacomo venne decapitato nel 42 a.C. e San Giovanni iniziò la predicazione dei Vangeli in Asia Minore accompagnando con sé la Vergine Maria.

 Conferme storiche

turchia-Casa-di-maria-preghiere-dei-cristiani

Efeso, Casa di Maria, le preghiere dei cristiani

Non vi sono certezze scientifiche in grado di dimostrare che qui è effettivamente giunta la Madre di Gesù Cristo, tuttavia vi sono alcune prove che confermerebbero l’avvenuta permanenza della Vergine ad Efeso. Tra queste:
1) La presenza della tomba di San Giovanni ad Efeso;
2) Il Concilio Ecumenico di Efeso del 431 d.C. tenuto nella prima Chiesa del mondo dedicata a Maria, per definirvi il Dogma sulla Maternità divina di Maria Santissima. Ad avvalorare ulteriormente tale tesi sono le parole dei Padri del Concilio: “arrivato ad Efeso laddove il Teologo Giovanni e la Vergine Santa Maria Madre di Dio…”
3)  La tradizione orale degli abitanti Ortodossi del villaggio di Kirkince, discendenti dei primi Cristiani di Efeso. Ogni anno molti pellegrini arrivavano in questo luogo per celebrare la festa della Dormizione di Maria (o Assunzione di Maria il 15 agosto) con la ferma convinzione che la Vergine fosse vissuta e morta in questo preciso luogo chiamato Panaghia Kapulu.

continua a pagina 2

© RIPRODUZIONE RISERVATA