Giovedì 1 Dicembre 2022 - Anno XX
Immagine di una precedente edizione di Asfaltart (Foto: Anna Ferigo © Mondointasca)

Immagine di una precedente edizione di Asfaltart (Foto: Anna Ferigo © Mondointasca)

Asfaltart, festival di Arte di Strada tra i monti

Torna a Merano l’undicesima edizione di Asfaltart, il festival di arte di strada. Dal 9 all’11 giugno il centro cittadino si trasforma in un quadro in continua evoluzione. Artisti da tutto il mondo. Musica e spettacolo.

Asfaltart-(1500) Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

Merano è una piccola città custodita dai monti. Dal 9 all’11 giugno nel centro cittadino torna Asfaltart, undicesima edizione del festival d’arte di strada. Un luogo per vivere la magia. Non importa quanti anni tu abbia o quanti ne siano passati dall’ultima volta che sei rimasto incantato ascoltando una fiaba. Chi non ricorda nel proprio immaginario la scena della tata con l’ombrellino che entra nei quadri dipinti a terra dal suo amico spazzacamino. Una porta alternativa per varcare soglie di possibili mondi favolosi ed incredibili, dove la fantasia la fa da padrona senza limiti di razionalità. Il secondo fine settimana di giugno si può volare con la fantasia per le strade di Merano con Asfaltart il festival d’Arte di Strada, che richiama lungo le rive del Passirio artisti da tutto il mondo, dalle estrose capacità e dalle mille inventive, tra colpi di agilità e simpatia, maestria musicale o agilità giocoliera.

Asfaltart, show con il sole, la luna, le stelle

Asfaltart Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

La città si trasforma, scompaiono strade e piazze, creando di volta in volta un quadro in cui entrare trasportati dalla magia dell’artista che propone il suo spettacolo. Uno show sotto il sole, la luna e le stelle, che fa viaggiare per il mondo attraverso l’origine e le provenienze spesso lontane ed esotiche degli “Straβenkünstlern”, che di volta in volta incantano con i loro trucchi di magia, trovate geniali, costumi bizzarri ed esibizioni esilaranti.
I bambini vivono la gioia dell’atmosfera come un gioco dalle mille realtà possibili, mentre gli adulti hanno la possibilità di provare ancora quella genuina euforia dei sogni, riconoscendo allo stesso tempo la bravura e l’abilità dei vari artisti. Non manca la musica, internazionale, come i sogni esotici che evoca ed ispira. Ad ogni ora, secondo un programma ben definito, le porte per entrare nei quadri si aprono e lo spettacolo ha inizio. Si respira un’aria di festa, tra spirito bohemien e modernità.

Tre giorni di festa in un paesaggio incantato

Asfaltart Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

Foto: Anna Ferigo © Mondointasca

Per i tre giorni di durata del festival si vive per strada, passeggiando sotto i portici, ammirando le cime ancora innevate delle montagne, con nelle orecchie una babele di lingue e negli occhi un arcobaleno di colori, stili, maschere e figure. C’è chi recita, chi mima, chi suona, chi si arrampica e fa acrobazie.
Pagliacci e fate sovvertono l’ordine cittadino e non c’è più posto per le regolari attività urbane, che scompaiono assorbite dall’energia travolgente dell’arte. Capita di fermarsi affascinati di fronte ad acrobati appesi a trapezi e pertiche o stare con il naso all’insù ammirati da un funambolo che passeggia in cielo su una corda, tesa tra i tetti di due palazzi.
Bandiere e bandierine, cilindri e nasi rossi, fotografi e turisti, che come per incanto entrano a far parte di questa scenografia, di questa festa colorata, dai confini elastici come le molle su cui saltano allegri i bambini. “Venghino! Venghino signori!” Non abbiate timore di spiccare un salto e scoprire quale mondo si nasconde dentro ad un quadro… di strada!

Info: www.asfaltart.it

Leggi anche:

Aria di San Daniele. La Festa: storico appuntamento in Friuli

Scala dei Turchi Express: da Palermo alla costiera di Agrigento la magia dei treni storici

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA