Mercoledì 25 Novembre 2020 - Anno XVIII
I Centri Termali dell’Emilia Romagna restano aperti e in sicurezza

I Centri Termali dell’Emilia Romagna restano aperti e in sicurezza

Tour benessere e relax alle Terme. Il sistema termale italiano continua a operare anche in tempo di Covid-19. Andiamo alla scoperta di alcune delle 24 strutture termali presenti lungo la Via Emilia fino alla riviera Romagnola

Massimo-Caputi-presidente-Federterme

Massimo Caputi presidente di Federterme

Terme, natura e benessere anche in tempo di Covid. L’Emilia Romagna gioca la sua carta vincente con i 24 Centri Termali. Le preziose acque minerali (salsobromoiodiche e sulfuree), sono particolarmente efficaci per la cura, la prevenzione, la riabilitazione e per rimettersi in forma. A seguito del DPCM dei giorni scorsi sembrava che anche queste realtà dovessero sospendere le loro prestazioni. Non è così. Le 24 stazioni termali,  dell’Emilia Romagna, come l’intero sistema termale italiano, continueranno ad operare e ad erogare i propri servizi in totale sicurezza, in quanto presidio sanitario.

Massimo Caputi, nuovo Presidente di Federterme-Confindustria, ha chiarito che: “Conte, Speranza e Bonaccini hanno compreso, in un momento drammatico per il Paese, l’importanza del sistema termale italiano. Nel nuovo DPCM si autorizza espressamente il mantenimento in attività dei centri termali e i loro alberghi dotati di presidio sanitario”. Le terme italiane, autorizzate dal Ministero della Salute e dalle Regioni, “sono punto di eccellenza e sicurezza al servizio della comunità; ancora più necessarie in epoca Covid e post Covid. Il protocollo ‘Terme Sicure’ ha garantito assenza di contagio”, ha concluso Caputi.

Centri termali lungo la Via Emilia

Centri-termali-Salsomaggiore

Salsomaggiore Terme

Il nostro tour ci porta a scoprire alcuni dei Centri Termali che da nord a sud percorrono la Via Emilia fino alla riviera romagnola. In provincia di Parma, circondata da lievi colline con parchi e giardini troviamo le Terme di Salsomaggiore che non offrono solo cure termali. In un grande parco secolare c’è il Centro Termale “Il Baistrocchi”, le cui acque salsobromoiodiche sono un valido supporto nella cura di artrosi e reumatismi e patologie respiratorie. Una curiosità è la stanza relax con il pavimento composto interamente da sale termale.

Le vicine Terme di Tabiano, conosciute già nel 1800 per l’acqua più solfurea d’Europa vantano una provata efficacia nella prevenzione e nella cura dei disturbi respiratori. Specializzati nelle cure per i bambini. Sempre nel Parmense le Terme di Monticelli, immerse in un magnifico parco secolare di 20 ettari sono note per l’uso dell’antica tradizione delle acque termali, salsoiodiche e solfuree. La beauty farm garantisce la perfetta remise en forme. Nel comune di Medesano, invece, immerse in una grande oasi verde dove sgorgano 8 benefiche fonti di acqua termale, si trovano le Terme di Sant’Andrea.

Centri termali nelle provincie di Reggio Emilia e Modena

Terme-della-Salvarola

Terme della Salvarola

Boschi incontaminati, salubri pinete e acque solfuree sono gli “ingredienti” che rendono speciali le Terme di Cervarezza (Re) collocate nel cuore del Parco Nazionale dell’Appennino tosco emiliano. Qui l’ambiente naturale regala percorsi ossigenanti di trekking e itinerari in mountain bike.

Più a sud – vicino a Sassuolo e nel cuore del territorio Modenese, con le bellezze Patrimonio Unesco di Modena, e della Motor Valley emiliano romagnola – si trovano le Terme della Salvarola. Ai reparti dedicati alle cure termali e a quello di fisioterapia e riabilitazione in acqua termale a 35° con poliambulatorio, si affianca Balnea, un moderno Centro Benessere di 2.300 mq. Qui vengono offerti trattamenti anti-aging alla Vinoterapia; riequilibranti all’Aceto Balsamico di Modena e alla ciliegia biologica.

Centri termali in provincia di Bologna

Terme-di-Porretta

Terme di Porretta

Escursioni e trekking nella natura dell’Appennino tosco emiliano tra Bologna e Pistoia ci sono le Terme di Porretta. Oltre ai trattamenti termali c’è il “Servizio di Medicina Ayurveda” e il centro di medicina estetica termale. A Bologna, invece, le Terme Felsinee e le Terme San Luca (con proposte di fangoterapia termale) sono la meta ideale per una pausa rigenerante in cui ritrovare salute, equilibrio ed energia. Grazie alle acque bicarbonato-solfato-calciche sono indicate per la cura dell’artrosi e delle prime vie respiratorie.

Le Terme dell’Agriturismo, si trovano all’interno del Villaggio della Salute Più, agriturismo a coltivazione biologica vicino a Monterenzio. Un’innovativa struttura di legno e vetro immersa nel verde ospita una piscina termale solfato-calcica, la “granita di neve”, e ancora sauna e bagno turco.

Centri termali inalazione-terme-castel-san-pietro

Inalazione alle terme di Castel San Pietro

Castel San Pietro Terme, tra le dolci colline della valle del fiume Sillaro, sulla Via Emilia tra Bologna e Imola, è “Città Slow” inserita nella “Rete Internazionale del Buon Vivere”. Il Centro termale è punto di riferimento per cure termali e trattamenti riabilitativi. Le Terme hanno 150 anni. Un intervento di riqualificazione ha completamente ristrutturato il reparto della piscina, i percorsi vascolari ed il centro inalatorio e il poliambulatorio. Per un piacevole soggiorno, collegato con il Centro Termale, c’è l’Hotel delle Terme (tre stelle) mentre all’interno del parco termale si trova l’Anusca Palace Hotel, un quattro stelle con Beauty Farm interna.

Centri termali in provincia Ravenna

Grand-Hotel-Riolo-Terme

Grand Hotel Riolo Terme immerso nel verde

Vicino a Ravenna (città Unesco per i suoi splendidi mosaici) si trova Riolo Terme, nota come la Città d’Acque. Riolo è rinomata per le preziose acque termali e i fanghi a maturazione naturale. Le proprietà terapeutiche erano già conosciute in epoca romana. Le Terme, in stile Liberty, immerse in un grande parco, offrono servizi curativi, estetici e riabilitativi all’avanguardia. Al suo interno è presente un Centro di Metodologie Naturali, dove le antiche tradizioni della medicina orientale e occidentale convivono con le moderne tecnologie termali per ristabilire armonia fra corpo e mente.

Le Terme di Cervia, incastonate tra il mare e la millenaria pineta, offrono tante suggestioni naturalistiche. Per esempio la visita guidata, a piedi o in barca, alla vicina Salina, per osservare fenicotteri, aironi e cavalieri d’Italia. Alle Terme di Cervia si può beneficiare anche del fango Liman, ottenuto per evaporazione nei bacini di raccolta del sale, e dei suoi effetti curativi su ossa e pelle. La Piscina Termale coperta è una della più grandi d’Europa e comprende una vasca ipertonica dove la concentrazione di sali disciolti è cinque volte superiore all’acqua di mare.

Centri termali Terme-di-Punta-Marina

Terme di Punta Marina

Affacciate direttamente sul mare, vicino a Ravenna, le Terme di Punta Marina devono il loro prestigio all’unicità delle loro acque, ai numerosi trattamenti, alle piscine termali e ai percorsi benessere.
L’offerta, per la salute e il benessere, offre cure termali, fisioterapia, riabilitazione, una spa, e un poliambulatorio per esami strumentali e visite specialistiche.

Centri termali in provincia di Forlì Cesena

Grand-Hotel-Terme-&-SPA

Vista di Castrocaro dal Grand Hotel Terme & SPA

Nel cuore della Romagna, a circa dieci chilometri da Forlì, c’è Castrocaro Terme con il Grand Hotel Terme & SPA, in perfetto stile Art Déco. In questa località, “Bandiera Arancione” del Touring Club Italiano per la qualità turistica-ambientale, le preziose acque sulfuree e salsobromoiodiche sono tra le più ricche di minerali presenti in natura. Il “Percorso Magico Benessere” è un viaggio dei sensi, attraverso l’immersione in tre piscine termali, la sauna, il bagno turco e le docce emozionali. Nella Long Life Clinic è proposto il metodo innovativo, per un corretto stile di vita, “Long Life Formula” con trattamenti dimagranti, detox, anti-aging e riabilitativi.

A pochi minuti di auto da Bertinoro – panoramico borgo “affacciato” sulla Romagna – si trova il Grand Hotel Terme della Fratta, elegante albergo 4 stelle. Il Grand Hotel Terme offre cure termali e riabilitazione, oltre al Centro Benessere, alla Beauty Farm e al Percorso Armonie Naturali. Il tutto nella cornice delle dolci colline forlivesi, con itinerari dedicati a city-bike ed e-bike e percorsi per gli sportivi.

Bagno-di-Romagna-Roseo-Euroterme

Bagno di Romagna, Ròseo Euroterme Wellness Resort

A circa 500 metri d’altitudine, nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, c’è il borgo medioevale di Bagno di Romagna, “Bandiera Arancione” del Touring Club. Il borgo è immerso in un’atmosfera di pace e serenità. Il territorio è una destinazione prediletta per gli appassionati di cicloturismo. Qui vi sono straordinari percorsi di trekking in foreste secolari tra pievi, santuari e piccoli borghi. Bagno di Romagna, con la sua acqua ipertermale a 45 gradi ospita tre centri termali di eccellenza: Ròseo Euroterme Wellness Resort, Thermae Santa Agnese e Grand Hotel Terme Roseo.

Info: www.emiliaromagnaterme.it

Per ricevere gratuitamente la Guida alle Terme 2020/2021 contattare COTER srl, Consorzio del Circuito Termale dell’Emilia Romagna. Numero verde 800.88.88.50

Leggi anche:

Strada della Romagna: profumi, sapori, emozioni

Marche in autunno: itinerario nella terra del tartufo bianco pregiato

Nelle piscine di alta montagna bagno caldo anche d’inverno

© RIPRODUZIONE RISERVATA