Mercoledì 28 Settembre 2022 - Anno XX
Villa Babarigo, Noventa Vicentina (ph. Marcok itwiki)

Villa Babarigo, Noventa Vicentina (ph. Marcok itwiki)

Giovanni Verga lo scrittore celebrato per la fotografia

La segreta mania dello scrittore siciliano era la fotografia. Il Comune di Noventa Vicentina dedica a questa poco conosciuta passione la mostra “Giovanni Verga scrittore e fotografo” allestita a Villa Barbarigo e aperta fino al 29 maggio.

Giovanni Verga

Giovanni Verga

Giovani Verga, conosciuto per le sue opere letterarie, i racconti della terra sicula da cui ebbe i natali, fu anche un abile fotografo. Egli stesso affermò di possedere «una segreta mania» per la fotografia. In occasione del centenario della morte del celebre scrittore, avvenuta a Catania il 27 Gennaio 1922, il Club Fotografico Il Campanile BFI e Fondazione 3M ne celebrano la memoria con la mostra intitolata “Giovanni Verga scrittore e fotografo” allestita presso la Sala esposizione di Villa Barbarigo a Noventa Vicentina.

La mostra è visitabile fino al 29 Maggio 2022 con ingresso gratuito. La sede scelta, Villa Barbaricgo, vanta la bellezza che scaturisce dal palazzo costruito da una nobile famiglia veneziana sul finire del millecinquecento. È una villa dalla facciata imponente e molto ricorda la struttura architettonica delle ville venete palladiane. Sorprendono i pinnacoli sul tetto della facciata a forma di guglia, le stesse che si ritrovano sul Ponte delle Guglie nel sestiere di Cannaregio a Venezia.

Verga scrittore che ama la fotografia

Giovanni Verga-Sicilia-urbanaGli aspetti più conosciuti sono quelli del Verga scrittore, di colui che spese buona parte della sua esistenza a raccontare, secondo il verismo dell’epoca, fatti di cui egli stesso fu testimone diretto o scomodo. I suoi romanzi sono diventati celebri best seller da leggere ancora oggi. Tuttavia poco si sa della sua verve fotografica. Giovanni Verga, per diversi anni- dal 1878 al 1911- divenne un appassionato degli scatti fotografici. Egli cercò di immortalare la società rurale, contadina della terra sicula, che spesso si ritrova nei suoi scritti.

Non mancano le foto dei luoghi che egli visitò mentre scriveva come i laghi della Lombardia, della Svizzera, di Bormio e molti ritratti di parenti e amici, di gente semplice o borghese.

Stampe recenti di fotografie originali

Immagini di vita rurale

Immagine di vita rurale

L’esposizione è curata dal Club Fotografico “Il Campanile” col patrocinio del Comune di Noventa Vicentina, sostenuti dalla Fondazione 3M. Il primo è un club sorto nel 1995 per iniziativa di otto amici con la passione per la fotografia; nel tempo si è guadagnato riconoscimenti in ambito regionale e nazionale. La Fondazione 3M, con sede a Pioltello (MI) è un’istituzione culturale permanente che promuove attività di ricerca su temi storici, estetici e stili di vita. La Fondazione si avvale di un archivio fotografico che conta oltre 110mila immagini di autori.

Nel percorso espositivo sono esposte stampe recenti delle fotografie originali del Verga, purtroppo perse nel tempo, con un’attenta ricerca filologica per poter riprodurre le corrette tonalità. L’esposizione sarà aperta al pubblico dall’1 al 29 maggio 2022, il sabato e la domenica, dalle ore 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 18,30 presso la Sala esposizioni di Villa Barbarigo a Noventa Vicentina. Per visitare la mostra durante la settimana contattare il numero 328 7684497.

Info: www.fotoclub-ilcampanile.it

Leggi anche:

Maria Maddalena, il mistero e l’immagine di una donna senza tempo

I luoghi di Klimt a Vienna

A Feltre, la “Venezia dolomitica”, apre il Museo Archeologico diffuso interattivo

© RIPRODUZIONE RISERVATA