Martedì 6 Dicembre 2022 - Anno XX
Pieve di Cadore

Pieve di Cadore

Estate Tizianesca 2022, tributo al cadorino Tiziano Vecellio

Gli eventi dedicati al genio dell’arte creativa Tiziano Vecellio proseguono fino al 21 agosto 2022 a Pieve di Cadore, Cortina d’Ampezzo e Vittorio Veneto. Conversazioni, letture, concerti, scoperta del paesaggio del Cadore. Lunedì 25 luglio incontro con Charles Hope studioso inglese di Tiziano.

Estate-Tizianesca-2022Tiziano Vecellio, L’Assunta dell’artista fa da corona all’altare maggiore della celebre Basilica dei Frari a Venezia. Molti pensano che Tiziano sia di origine veneziana, ma non è così. Pur avendo lavorato tanto su committenza della Serenissima Repubblica di Venezia, il famoso Tiziano nacque, presumibilmente nel 1480, a Pieve di Cadore nel Bellunese. Nel piccolo centro cadorino, circondato da montagne dolomitiche, si trova la casa natale di Tiziano. Una dimora restaurata per riportare alla memoria il quotidiano del vissuto di Tiziano Vecellio.

Giovanissimo, assieme al fratello Francesco partì alla volta di Venezia per apprendere l’arte pittorica presso la bottega di Gentile e Giovanni Bellini. La frequentazione di artisti come Giorgione da Castelfranco e Sebastiano Luciani detto del Piombo gli fu molto utile. Il paese natale, quindi, vanta un’eccellenza artistica di caratura mondiale.

Estate Tizianesca 2022, un tributo all’arte creativa

Tiziano Venezia e il papa Borgia

Tiziano Venezia e il papa Borgia

Il migliore tributo alla memoria e all’arte creativa di Tiziano sono gli eventi legati all’Estate Tizianesca che nel 2022 vedono una cospicua serie di incontri, convegni, concerti  in svariati centri del territorio cadorino. Obiettivo leitmotiv dell’iniziativa è quello di coniugare l’arte con le bellezze naturalistiche del paesaggio dei monti del Cadore. Un luogo incantevole intriso di edifici storici, di montagne dalle alte cime innevate, di fiumi e torrenti; ma anche di sentieri e percorsi che si snodano lungo le acque cristalline dei laghi; e ancora di profumi degli abeti e dei pini, di sapori della gastronomia locale. Qui, in questi luoghi naturalistici, è vissuto Tiziano e forse ha memorizzato tutto questo variopinto caleidoscopio  nell’affinare la sua indiscutibile, unica arte.

La casa natale ne è un esempio. Attraversando le stanze sembra avvertire la sua presenza. Lo si percepisce nella cucina col grande e antico  fogher (focolare) provvisto di grande cappa, nella stua, stanza col soffitto  a cassettoni e gli arredi dell’epoca, nei pigmenti colorati situati nelle ciotole.

Estate Tizianesca 2022: la casa natale Monumento Nazionale

Casa natale di Tiziano Pieve di Cadore

Casa natale di Tiziano a Pieve di Cadore

La casa natale, nel corso dei secoli, subì vari passaggi di proprietà. Ma nel 1922 venne dichiarata Monumento Nazionale. Nel 1926 fu acquisita dalla Magnifica Comunità del Cadore, ente storico culturale che rappresenta l’unità del Cadore e affonda le radici nel Medioevo. Va ricordato che Napoleone Bonaparte, nel 1806, pensò bene di sopprimere l’Ente Cadorino come fece con altre gloriose  istituzioni, tuttavia  La Comunità del Cadore fu ricostituita nel 1875 come Consorzio dei Comuni cadorini.

Fino al 21  agosto 2022 ecco gli eventi promossi: 15 conferenze scientifiche con i maggiori esperti internazionali su Tiziano e il suo tempo; 8 proiezioni di un nuovo documentario autoriale; 6 concerti; 5 laboratori e workshop di diversi ambiti per giovani e giovanissimi; 4 esposizioni; 3 giorni dedicati a una fiera del libro.

Estate Tizianesca 2022 e Charles Hope

Tiziano VecellioLunedì 25 Luglio 2022 alle ore 18:00 presso la sede della Magnifica Comunità di Cadore, Piazza Tiziano, è previsto l’incontro con lo studioso inglese Charles Hope. Lo studioso presenterà un’opera monumentale, in uscita nel prossimo autunno, costituita da 6 tomi intitolata “Titian: Sources and documents” una serie di documenti e storia raccolti in cinquant’anni di lavoro e di ricerca scientifica sul genio del celebre Tiziano.

Charles Hope, laureatosi ad Oxford ottiene un dottorato di ricerca nel 1975 con una tesi sul Tiziano.  Ha ricoperto numerosi incarichi in importanti istituzioni museali londinesi. La raccolta non ha precedenti. Include 2900 documenti e testimonianze che riguardano Tiziano, la sua famiglia, i committenti illustri, gli assistenti di bottega, le inscrizioni presenti su dipinti ed incisioni. Alla presentazione interverranno Bernard Aikema, Sylvia Ferino, Stefania Mason e l’editore Paul Holberton.

Charles Hope studioso inglese di Tiziano

Charles Hope

Appassionato dell’arte rinascimentale italiana e in particolare delle opere di Tiziano. Hope ha prodotto 170 articoli su riviste e incontri in convegni internazionali oltre a pubblicazioni relative al Rinascimento italiano. Nel 2022 è stato insignito della cittadinanza italiana. La rassegna ritorna puntualmente dal 2005, promossa e organizzata dalla Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore con una rete di Istituzioni del Territorio. Tra questi: Comune di Pieve del Cadore, Magnifica Comunità del Cadore, Camera di Commercio di Treviso e Belluno, città di Vittorio Veneto, Diocesi di Belluno e Feltre, Confindustria Belluno Dolomiti, Dolomiti Symphomia Orchestra e Save Venice Inc.

Informazioni:

Fondazione Centro Studi Tiziano e Cadore – Piazza Tiziano, 29 – Pieve di Cadore (BL) Tel. +39 0435 501 674 – tizianovecellio.it

Leggi anche:

Bruxelles: i colori del Tapis de Fleurs ricoprono la Grand Place

Museo Correr: riaprono le Sale Reali

Valli di Comacchio, Spina: epopea archeologica lunga un secolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA