Giovedì 30 Maggio 2024 - Anno XXII

Val d’Ega: a passo lento nel cuore delle Dolomiti

Escursioni nella natura osservare le Dolomiti(credit Val d'Ega)

Fare escursioni su strade, salite e sentieri immersi nel panorama delle Dolomiti alla volta dei rifugi d’alta quota e restare incantati dal fascino e dalla maestosità delle Dolomiti. La Val d’Ega offre 500 km di itinerari nel gruppo del Catinaccio e attorno al massiccio del Latemar.

Escursioni nella natura (credit-Val d'Ega)
Escursioni nella natura (credit Val d’Ega)

La Val d’Ega è una piccola valle con sette piccoli centri montani raccolti tra i due massicci millenari più famosi delle dolomiti: Catinaccio Latemar. In questa natura incontaminata la sostenibilità è una regola.

Nel 2022 ha ricevuto il riconoscimento internazionale dal Global Sustainable Tourism Council, organizzazione che detta gli standard per lo sviluppo sostenibile nel settore del turismo. Un luogo, quindi, dove trascorrere momenti spensierati all’aria aperta, rigenerandosi a contatto con la natura. 

Escursioni nella natura (ph. StorytellerLabs, credit Val d'Ega)
Escursioni nella natura (ph. StorytellerLabs, credit Val d’Ega)

Per chi ama la montagna e vuole trascorrere l’estate camminando e facendo escursioni su strade, salite e sentieri immersi nel panorama delle Dolomiti alla volta dei rifugi d’alta quota ecco alcune proposte per fare dei programmi. 
La Val d’Ega offre 500 km di itinerari nel gruppo del Catinaccio e attorno al massiccio del Latemar, il cuore soleggiato del Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Agli escursionisti seriali, ma anche alle famiglie dal passo più lento, offre una miriade di opportunità per scoprire i prati degli alpeggi, le fitte foreste di conifere e i paesaggi rocciosi in solitudine o al seguito di una guida esperta.

Val d’Ega un mondo di Masi e valichi
Rifugio Roda di Vael (credit Val d'Ega)
Rifugio Roda di Vael (credit Val d’Ega)

Dalla breve sgambata all’impresa più impegnativa, quello della Val d’Ega è un mondo di masi tradizionali e valichi pittoreschi che sembra non esaurire mai la propria scorta di sorprese. 
Il sentiero didattico Kirchsteig a Nova Ponente è, per esempio, un’occasione per scoprire in modo giocoso i segreti di flora e fauna, comprendere l’agricoltura e immergersi nel mondo della silvicoltura.

Il König Laurin Tour, invece, propone un tuffo nell’universo montano di Re Laurino, dove le terrazze panoramiche si riflettono nelle acque turchesi del Lago di Carezza. Questi sono solo due dei tantissimi itinerari possibili.

LEGGI ANCHE  Alta Pusteria per piccoli ranger
Latemar la montagna che si muove
Itinerario nella natura (credit Val d'Ega)
Itinerario nella natura (credit Val d’Ega)

Dal 2014 il massiccio del Latemar ha deciso di mostrarsi in un a nuova veste. È così nato il Latemarium, un reticolo di percorsi che avvolge una delle vette più affascinanti del cuore delle Dolomiti. La montagna è stata scandagliata sotto nove punti di vista. 
Tra Obereggen e Lago di Carezza, corsa in montagna e corsa in quota sono il fulcro dei sentieri riuniti sotto la bandiera di Latemar.Run. Qui a farla da padrone è l’aspetto panoramico. Facilmente raggiungibile da Obereggen con la seggiovia Oberholz (aperta dall’11 giugno al 9 ottobre).

Escursioni in famiglia (credit Val d'Ega)
Escursioni in famiglia (credit Val d’Ega)

Un’esperienza singolare è anche la camminata come un percorso di scoperta in quota che culmina nella piattaforma Latemar.360°. La grande chiocciola in legno attaccata alla montagna a 2.100 m s.l.m., con una vista sul mondo alpino circostante che toglie il fiato. Latemar.Natura, invece, è il percorso ideale per le famiglie con dislivelli minimi e stazioni interattive e didattiche per scoprire i dettagli riguardanti i biotopi del Latemar, come il bosco alpino, il pascolo o l’alta montagna.

Mucche al pascolo (ph. Alex Filz, credit Val d'Ega)
Mucche al pascolo (ph. Alex Filz, credit Val d’Ega)

Se si vogliono approcciare atmosfere distese c’è il Latemar.Relax, l’itinerario che scende a Obereggen dalla malga Laner Alm attraverso boschi ombreggiati, rigogliosi prati fioriti e verdi prati alpini sui quali gli animali pascolano, offrendo ai bambini uno spettacolo unico, mentre i genitori si godono i lettini wellness. Un’altra proposta è il sentiero Latemar.Alp, una piacevole passeggiata lungo gli alpeggi dove si incontrano mucche, cavalli e pecore al pascolo. Vi sono anche nuove stazioni interattive dedicate alle Dolomiti. Le famiglie con figli piccoli, dal 18 giugno all’11 settembre, possono utilizzare la cabinovia Ochsenweide per trasportare passeggini e biciclette.

LEGGI ANCHE  A scuola di mare
Escursioni guidate da maggio a settembre
Arrampicata vie ferrate (credit Val d' Ega)
Arrampicata vie ferrate (credit Val d’ Ega)

Dal lunedì al venerdì, in uno scenario compreso tra Nova Levante, Nova Ponente e Collepietra, si svolgono escursioni settimanali. Sarà possibile aggregarsi a una camminata al tramonto con merenda in vetta, andare alla scoperta di fiori ed erbe aromatiche o fare esperienze tematiche. 

Chi vuole provare l’emozione di toccare da vicino le pareti rocciose può avventurarsi su quattro delle vie ferrate più invidiate al mondo, con diversi gradi di difficoltà. Le guide locali consigliano ai grandi appassionati della scalata su roccia di percorrere la Via attrezzata del Masarè e la Via Ferrata Roda di Vaèl.

Arrampicata sul Rosengarten (ph. Raffalt, credit Val d'Ega)
Arrampicata sul Rosengarten (ph. Raffalt, credit Val d’Ega)

Per colore che preferiscono le imprese verticali, troveranno nel Catinaccio un paradiso dell’arrampicata.
Conquistare la vetta con la sola forza delle braccia sulle irte pareti di roccia bianca che qui si innalzano è il sogno di tutti gli scalatori. Ovviamente, c’è anche spazio per neofiti e principianti, ai quali bastano una visita al bosco avventura e il percorso ad alta fune di Obereggen per avere un assaggio della sfida alla gravità.

Info: www.valdega.com

GALLERIA FOTOGRAFICA VAL D’EGA

 

Leggi anche:

PRIMAVERA NEI PARCHI NATURALI PIÙ SUGGESTIVI DEL PIANETA

SARDEGNA DA VIVERE IN TRE GIORNI

MERENDA TRA GLI ULIVI E TREKKING SULLE ORME DEL PERUGINO

Condividi sui social: