Lunedì 4 Marzo 2024 - Anno XXII

Basilicata con gusto 3: Pomarico, Ripacandida, Atella

Basilicata con gusto 3 Sospiri dolce tentazione

Dalla provincia di Matera a quella di Potenza si conclude il nostro viaggio in Basilicata. Abbiamo fotografato e raccontato i luoghi, le persone e la cucina.

Il viaggio in Basilicata è giunto al termine. Gli ultimi tre comuni che abbiamo visitato e che vi raccontiamo sono: Pomarico, Ripacandida e Atella. Il primo in provincia di Matera e i successivi due in provincia di Potenza (precedenti servizi: Basilicata con gusto 1: Matera e Basilicata con gusto 2: Montescaglioso, Pisticci Scalo, Ferrandina).

Basilicata con gusto 3: Pomarico
Basilicata con gusto 3 Pomarico Convento di San Francesco,
Convento di San Francesco, galleria del chiostro (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Entriamo in paese percorrendo una lunga arteria affiancata da entrambi i lati da moderne abitazioni che si susseguono fino all’altezza del Monumento ai Caduti e del Municipio.

Accanto a quest’ultimo si apre la galleria del chiostro del Convento di San Francesco ornato, su entrambe le pareti, da affreschi settecenteschi, recentemente restaurati dopo essere stati casualmente scoperti.

Basilicata con gusto 3 Pomarico Museo Cultura Contadina e Tradizioni Popolari
Palazzo Marchesale, Museo Storico della Cultura Contadina e delle Tradizioni Popolari (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Nelle immediate vicinanze visitiamo il settecentesco Palazzo marchesale che si sviluppa su più piani ognuno con una destinazione diversa, secondo gli usi del tempo. Dal grande portale d’ingresso si accede all’ampio cortile e ai locali del piano terra dove erano ubicati i servizi, le cucine e la scuderia. Un’imponente scalinata conduce al piano nobile sul quale troviamo alcune stanze occupate dalle testimonianze di vita del passato che costituiscono il Museo Storico della Cultura Contadina e delle Tradizioni Popolari di Pomarico.

Il Borgo Vecchio
Borgo antico Basilicata con gusto 3
Il borgo antico di Pomarico (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

L’antico insediamento di Pomarico occupa la parte più alta della collina, una posizione che permetteva di difendersi più facilmente da eventuali aggressioni. La sommità si raggiunge tramite erte stradine e, man mano che si sale, ci si rende conto che il centro storico è divenuto simile ad una città fantasma o quasi, ormai ci vivono poche persone; nonostante questa sensazione conserva ancora il suo fascino.

Oggi, simili ad occhi semi socchiusi, le porte e finestre delle vecchie abitazioni lasciano ancora intravedere scorci di vita al loro interno. Immaginiamo che un tempo da quegli stessi squarci si affacciassero volti di donne a controllare i vocianti bambini intenti a giocare nelle stradine. Insomma un normale centro pulsante di vita dove tutti si conoscevano e tutto condividevano tra loro: era il sistema del “vicinato”, una consuetudine molto frequente tra le popolazioni del sud Italia.

Basilicata Chiesa SS Addolorata Pomarico
Chiesa della S.S. Addolorata (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Purtroppo il continuo verificarsi di eventi franosi ha costretto gli abitanti a trasferirsi più a valle su terreni meno soggetti al dissesto idrogeologico. Finalmente raggiungiamo il punto più alto laddove si erge la chiesa della S.S. Addolorata, la più antica del paese. Nella parte antistante il sagrato l’ampio spazio del Teatro all’aperto, racchiuso da un lato dalla Torre dell’Orologio, è parte del risanamento urbano realizzato dopo il terremoto del 1980. Prima del tramonto, quando il cielo diverrà rosso fuoco, è consigliabile raggiungere questo luogo poiché, meteo permettendo, lo sguardo spazierà a 360°: dal panorama dell’Appennino e della costa jonica fino alla Murgia, dal versante opposto.

LEGGI ANCHE  Verrà il vento e ti parlerà di me
Basilicata con gusto 3: Pomarico a tavola
Basilicata con gusto 3 Dolce tentazione
Coniugi Dimuccio della pasticceria La Dolce Tentazione (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Non poteva mancare l’appuntamento con la locale gastronomia che ci ha visti impegnati in un interessante percorso di food experience. Il ristorante Lancione, con nostra grande meraviglia, ci ha servito specialità di mare. Tra carpacci di pesce e fritture è però spuntata una tipicità: l’apprezzata vellutata di ceci con frutti di mare.

Una successiva sosta golosa è stata effettuata presso La Dolce Tentazione, una pasticceria dove abbiamo conosciuto i “sospiri”, tradizionali pasticcini con glassa di zucchero che avvolgono un fragrante pan di spagna ripieno di crema.
Si racconta che questi dolci furono preparati dalle suore in occasione di un importante matrimonio che non fu più celebrato; gli invitati, sospirando per l’attesa, vennero consolati con i dolci chiamati da quel giorno sospiri, appunto.

Basilicata con gusto 3 rassegna gastronomica
Rassegna gastronomica, la Scarcedd (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Una kermesse gastronomica nella quale abbiamo conosciuto, oltre a numerose pietanze comuni con la vicina Puglia, la tipica “scarcedd”, una focaccia ripiena di formaggi, salsiccia e uova sode, che ha avuto il riconoscimento del marchio PAT, ovvero Prodotto Agroalimentare Tradizionale. Una abbondante libagione che abbiamo parzialmente smaltita passeggiando tra il verde del bosco attrezzato Monferrara, a pochi chilometri dal centro cittadino.

Basilicata con gusto 3: Ripacandida 
Ripacandida Basilicata con gusto Chiesa di San Donato
Chiesa di San Donato (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Ci spostiamo in provincia di Potenza per raggiungere Ripacandida (PZ), un piccolo centro nel quale ci rechiamo per ammirare il suggestivo Santuario di San Donato. Ci soffermiamo dapprima nella contigua villa comunale che vanta la presenza di un pino d’Aleppo di oltre 500 anni e una più giovane Sequoia Gigantea di appena 200/220 anni.
Dopo aver ammirato questi due monumenti naturali ci inoltriamo all’interno della chiesa per ammirare l’opera dell’uomo.

affreschi Adamo e Eva la mela Basilicata con gusto
Chiesa di San Donato, affreschi sulle volte, la mela (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

L’intera navata è coperta da affreschi di fronte ai quali restiamo estasiati per la loro bellezza e accuratezza. Non è solo la vista d’insieme a meravigliarci ma anche i numerosi dettagli che possiamo scorgere con un esame più attento dei particolari.
Le raffigurazioni volutamente semplici per una immediata comprensione sono facilmente leggibili; tra queste le scene rappresentanti la nascita di Eva dalla costola di Adamo, l’attimo in cui essi mangiano la mela, l’Annunciazione e tanti altri episodi riferiti alla Bibbia. Gli affreschi di scuola giottesca, opera di un autore sconosciuto, hanno permesso a Ripacandida di essere chiamata l’Assisi Lucana.

LEGGI ANCHE  Pantelleria: dammusi, capperi e zibibbo
Basilicata con gusto 3: Atella il Far West del Vulture
Basilicata con gusto 3 la valle dei cavalli tiro con l'arco
Dimostrazione di tiro con l’arco a cavallo (ph. © 2023 emilio dati – mondointasca)

Siamo ad Atella (PZ) nella piana ai piedi del Monte Vulture. In quest’area tanto cara a Federico II, volteggiano ancora i falchi da lui amati. Al silenzioso volo dei predatori oggi si sono associati i richiami dei moderni cowboy utili a riprendere il controllo delle loro cavalcature. Siamo nella struttura agrituristica La Valle dei Cavalli presso la quale è possibile soggiornare e praticare equiturismo con i docili puledri dell’azienda.

Tra le attività proposte vi è anche la possibilità di esercitarsi al tiro con l’arco mentre si cavalca, operazione certo non facile dopo aver visto la dimostrazione di un giovane campione. Ovviamente tanta attività fisica richiede un energico supporto gastronomico. E prontamente, nel nostro viaggio che abbiamo chiamato Basilicata con gusto 3, ci vengono offerti dall’azienda “La Valle dei Cavalli” abbondanti porzioni di antipasti, primi piatti e ottime carni arrosto. Al nostro rientro abbiamo convenuto di rimanere per qualche tempo lontani dalle bilance!

Info utili:

Europe Go Tour Operator – via Lucana 199 – Matera – 0835 1970194 – europego.it

 Pomarico: 
– Proloco – corso V. Emanuele 162 – 0835 1972140 – visitpomarico.it
– Ristorante Lancione – corso Garibaldi s.n. – 0835 552352 (chiuso lunedi) 
Pasticceria La Dolce Tentazione – via Chiesa 34 – 340 8863900 
Ristorante Colledisisto – contrada Alvanello Bordazzo – 0835 552726

Ripacandida: Santuario di San Donato – piazzale San Donato – 0972 644145

Atella: La Valle dei Cavalli – contrada Piani di Carda – 366 6450314 – www.lavalledeicavalli.com

PHOTO GALLERY BASILICATA CON GUSTO 3

Leggi anche: 

NATALE A TAVOLA: ASTICE O ARAGOSTA DEL NEW ENGLAND

TIHANY LA BELLEZZA SUL “MARE D’UNGHERIA”

NOVARA PUNTA SULLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

Condividi sui social: