Lunedì 15 Luglio 2024 - Anno XXII

Riccione: la spiaggia verso il riconoscimento UNESCO, tra bagnini, rustide e tende

Spiaggia Riccione tipiche tende bagnino

Chi l’avrebbe mai detto che una giornata in spiaggia a Riccione potesse diventare un’esperienza culturale riconosciuta dall’UNESCO? Eppure, la “Perla Verde” dell’Adriatico sta facendo passi da gigante verso questo ambizioso traguardo.

Questa celebre località della Riviera Romagnola, infatti, non è solo famosa per le sue spiagge dorate e il suo mare cristallino, ma anche per la sua ricca storia e le sue autentiche tradizioni. E proprio queste tradizioni potrebbero presto ricevere un importante riconoscimento internazionale: la candidatura della spiaggia di Riccione come patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO.

Tradizioni che raccontano una storia
Cartolina di Riccione (crediti Beni Culturali Standard)
Cartolina di Riccione (crediti Beni Culturali Standard)

Al centro di questa candidatura ci sono tre elementi chiave che rappresentano l’anima di questa città un tempo borgo di pescatori: il mestiere del bagnino, la rustida e la tenda da spiaggia.

Il bagnino riccionese, figura iconica e simbolo di accoglienza e sicurezza, rappresenta l’evoluzione di un’antica tradizione marinara.

La rustida, nata come segno di riconoscenza verso i turisti che aiutarono la città dopo un fortunale nel 1964, è oggi una grigliata di pesce che incarna la solidarietà e la convivialità romagnola.

La tenda da spiaggia, infine, nata come vela messa ad asciugare, è un elemento distintivo del paesaggio costiero, ancora oggi apprezzato per il suo fascino e la sua praticità.

Riccione un patrimonio da tutelare
Romagna Riccione-day ospitalità accoglienza in spiaggia
Accoglienza e ospitalità in spiaggia

L’inserimento di questi elementi nel Catalogo Generale dei Beni Culturali rappresenta un passo fondamentale per la tutela e la valorizzazione di questo prezioso patrimonio immateriale. Un riconoscimento che mira a tutelare un bene primario costituito dalle persone, i bagnini, che con la loro capacità di accoglienza e le loro tradizioni hanno saputo conquistare il cuore dei turisti di tutto il mondo.

Ma cosa significa esattamente? Il patrimonio culturale immateriale comprende tutte quelle pratiche, rappresentazioni, espressioni, sapere e capacità che le comunità, i gruppi e, in alcuni casi anche i singoli individui, riconoscono come parte integrante del loro patrimonio culturale. In questo caso, si tratta di elementi caratteristici della tradizione balneare di questa terra, che vanno oltre la semplice bellezza del mare e della spiaggia.

LEGGI ANCHE  Lo Zibibbo di Pantelleria è Patrimonio dell'Umanità
Un traguardo e un nuovo inizio

L’inserimento nel Catalogo è solo il primo passo verso un traguardo ancora più ambizioso: il riconoscimento UNESCO. Un obiettivo che, se raggiunto, celebrerebbe l’unicità della spiaggia di Riccione e il suo valore come esempio di patrimonio culturale immateriale da tutelare e valorizzare per le generazioni future. 

Leggi anche: 

STRADE ZITTE: PEDALARE, AMMIRARE, RACCONTARE

LA CUCINA BOLOGNESE INCONTRA LE BOLLICINE DI PROSECCO

ISOLA D’ELBA: FAST TOUR IN 48 ORE

 

Condividi sui social: