Martedì 18 Giugno 2024 - Anno XXII

Clementina Coppini

rivista di viaggi to-travel-foto-pixabay
Curiosità

Estate alle porte. Quanto ti serve una rivista di viaggi?

di
Clementina Coppini

Aria di vacanze. Ecco un irriverente e divertente “test” di lettura per appurare, nel più completo “raccoglimento”, quanto sia utile consultare le “bibbie” vacanziere. Per arrivare (magari) a scoprire a che punto sia il personale “decadimento” mentale!

Vista_sul_Garda_e_Valsabbia_dalla_Corna_Savallo ©Francesco Zanardini
Arte & Cultura Luoghi

Valle Sabbia

di
Clementina Coppini

Una sperduta valle del bresciano che si attorciglia attorno al fiume Chiese. Paesini di poche case, piccoli e antichi edifici religiosi, una natura asprigna che incute timore. Qui, dove il visitatore è ancora “forestiero”, c’è spazio per guardarsi dentro

Veduta di Montefalco
Italia Reportage

A Montefalco lungo la strada del Sagrantino

di
Clementina Coppini

Viaggio in un'Italia "oltre". Alla scoperta della provincia minore umbra, dove si può mangiare in un teatro romano, bere del fiero vino locale, ammirare affreschi del '400, scoprire la storia del Beato Pellegrino

Cervo
Arte & Cultura Luoghi

Tropici nostrani. In attesa dei “bagnanti mutanti”

di
Clementina Coppini

Ricordo della Beau Rivière des Palmes. Mare, un sacco di gente, la sabbia grigia che scotta, senso di soffocamento. E le montagne retrostanti sotto un cielo nero. L’anno prossimo si può non cambiare meta, ma sarà forse meglio cambiare mente

Reportage

Ventimiglia, il “Suk” del venerdì

di
Clementina Coppini

La cittadina ligure di frontiera, al venerdì si trasforma in un mercato delle delizie dalle dimensioni incredibili, nel quale si trova di tutto. Meta di gite da altri paesi, primo fra tutti la Francia, sta a metà tra il mercato medievale e il suk arabo

Scilla
Reportage Italia

Destinazione Scilla

di
Clementina Coppini

Cariddi non si vede, da questa Calabria insolitamente piovosa. E questo viaggio non è un semplice spostamento fisico da un luogo a un altro. Rappresenta al contrario l’occasione per “traghettare” anche i propri pensieri, le delusioni, le speranze