Giovedì 18 Luglio 2024 - Anno XXII

Spigolando tra turismo e dintorni

Sapevate che… Tutti bastonano l’Alitalia? Il Consiglio di Stato ha vietato i voli in Sardegna e come se non bastasse l’Antitrust le ha detto no all’acquisto di Volare?“Mala tempora currunt” alla Compagnia di Bandiera, beh … più che “currunt”, corrono; sarebbe meglio dire che sono sempre corsi, fin dalla nascita di questo bislacco Carrozzone Aereo di ParaStato che in mezzo secolo di vita si è gargarizzato importi spaventosi, sempre a fondo perduto. Una bislacca, stravagante azienda nata a Roma ma con il business, il (posto di) lavoro a Milano, da cui ulteriori e pesantissimi equivoci quando cominciò a costare più … Leggi tutto

Spigolando tra turismo e dintorni

Sapevate che… Tutti bastonano l’Alitalia? Il Consiglio di Stato ha vietato i voli in Sardegna e come se non bastasse l’Antitrust le ha detto no all’acquisto di Volare?
“Mala tempora currunt” alla Compagnia di Bandiera, beh … più che “currunt”, corrono; sarebbe meglio dire che sono sempre corsi, fin dalla nascita di questo bislacco Carrozzone Aereo di ParaStato che in mezzo secolo di vita si è gargarizzato importi spaventosi, sempre a fondo perduto. Una bislacca, stravagante azienda nata a Roma ma con il business, il (posto di) lavoro a Milano, da cui ulteriori e pesantissimi equivoci quando cominciò a costare più del lecito, questa folle non meno che impossibile convivenza. E a questo punto:  lo sapevate che ….

… In compenso l’Alitalia fotte Malpensa?
Così sembra, a leggere quanto scrive il Corriere della Sera (riportando pure le dichiarazioni di Dario Ballotta, importante lìder sindacale del Trasporto Aereo milanese). A parte l’assenza del famoso (nel senso di a lungo “promesso ma mai mantenuto”, costruito) e il mancato (a lungo previsto ma mai attuato) trasferimento del personale di volo, adesso si segnalano pure tanti voli intercontinentali che sono stati spostati da Malpensa a Fiumicino; per interessamento, “dicunt”, di Veltroni e Alemanno.

Turisti in Piazza di Spagna
Turisti in Piazza di Spagna

Sapevate che… “I tedeschi non ritornano in Italia”?
Così titola “Travel Quotidiano” (del 12 maggio) in prima pagina. E ce crediamo, così come è certo che “a non tornare in Italia” non sono solo i tedeschi ma pure gli svedesi, i nepalesi, gli svizzeri, i turcomanni ecc. ecc.; e a loro volta tanti italiani quando vanno in vacanza scappano dal Belpaese. Le ragioni? Sembra persino da imbecilli doverle spiegare. E invece di tanti blablabla, meglio ogni tanto produrre un esempio (facciamo due) a caso, così.
A Venezia, se capiti lì al volo, non ti sei organizzato, non prevedi una sosta ragionevolmente lunga e non sei residente, farti trasportare da  un vaporetto ti costa una cifra; dopodiché se ti stai portando in giro la famiglia e di vaporetti ne devi prendere due in un giorno, fai meglio a buttarti nel Canal Grande.
A Milano, città spaventosamente turistica, come Roma o Parigi o Firenze o Londra, passi davanti a un normalissimo (ma proprio normalissimo) pub-ristorante-snack- pizzeria, dai un occhio ai prezzi e leggi: “Vino: un calice, 6 Euro”. Il cronista, informatosi, ha avuto conferma che intendesi un comunissimo vino sfuso – ancorché probabilmente buono – versato dal bottiglione (ndr).

LEGGI ANCHE  Spigolando tra turismo e dintorni. Sapevate che...
Giuseppe Boscoscuro
Giuseppe Boscoscuro

Sapevate che… Il Lìder Maximo della Astoi, Boscoscouro, è tutto contento (TTG Newsletter 19/5) perché Rutelli ha avuto la delega al Turismo?
Premesso (meglio chiarire) che non si tratta di essere di destra o di sinistra o centrocampisti o mediani, sarebbe il caso che si definisse una volta per tutte “che cosa è il Turismo”, cominciando, sarebbe necessarissimo, anzi condizione basilare, con il chiarire che esistono due Turismi, quello “Incoming” (gli stranieri che vengono in Italia) e quello “Outgoing” (gli italiani che vanno all’estero) dagli aspetti economici assolutamente differenti; chi va all’estero a spendere soldi favorendo un’economia altrui, e chi sta o viene in Italia, favorendo l’economia nostrana, quando non contrastanti. Non di rado accade che se va male un Turismo – l’outgoing ad esempio, se c’è una valuta debole o una crisi economica -, vada bene l’altro Turismo – l’incoming, ad esempio, perché un turista va dove la sua valuta è forte e dove una crisi economica fa abbassare i prezzi.

Condividi sui social: