Sabato 3 Dicembre 2022 - Anno XX
Cinqueterre Monterosso

Cinqueterre Monterosso

L’antica litania dei “Luoghi Comuni”

Di frasi e proverbi della cosiddetta “saggezza popolare”, nei secoli, ne sono stati confezionati un’infinità. In molti casi si tratta solo di banalità. Ecco un piccolo campionario dei luoghi comuni più in voga

Sono dieci, ma potrebbero essere molte di più, le “banalità” confezionate dalla cosiddetta “saggezza popolare”. Codificati negli anni dall’uso reiterato, sembrano dei proverbi un po’ più lunghi che meriterebbero di cadere nel dimenticatoio, se solo la gente (ragionando) cambiasse idea.

Luoghi comuni: il lago intristisce

Luoghi comuni Sirmione, Grotte di Catullo

Sirmione, Grotte di Catullo

La solare allegria di una passeggiata alle Grotte di Catullo, villa romana sita sulla punta dell’incantevole penisola di Sirmione, potrebbe smentire tale errata asserzione, a patto che non si faccia il giretto in un giorno di novembre. In ogni caso, ci sono certi mesi novembrini e plumbei in Cote d’Azur che pare d’essere nel vercellese e anche Rimini, nel mese dei defunti, non è poi un grande spasso. Ulivi, limoni, filari di viti, comitive di olandesi che guidano in preda al terrore sulle dolci colline alle spalle di Desenzano; lievi pendii che per loro sono come l’Annapurna: il lago di Garda è pieno di vita. Per esempio.

Luoghi comuni: il mare rende nervosi

Luoghi comuni Torre della Meloria foto di A. Andreani

Torre della Meloria (foto A. Andreani)

Eppure a Milano, città dove sono notoriamente tutti isterici, il mare non c’è.
È vero che i milanesi appena possono al mare ci vanno per il fine settimana.
Lo faranno allo scopo di aumentare il proprio tasso di aggressività, già peraltro ai limiti consentiti?
Non v’è un luogo che concilia meglio il sonno di un pomeriggio in Liguria, soprattutto in inverno. In estate è meno bello perché ci sono ovunque milanesi che si agitano.

 

Luoghi comuni: non si può andare a Roma solo per vedere la Cappella Sistina e il Foro

Invece bisognerebbe proprio andarci apposta. Dal lunedì al giovedì, in autunno, lontano da una qualsivoglia festività di qualsivoglia genere e tipo, weekend compresi.

Luoghi comuni Veduta del Foro Romano... Scusate se è poco

Veduta del Foro Romano… Scusate se è poco

L’autunno romano è meraviglioso e molto adatto; è la stagione totemica di Roma, che vive da quasi duemila anni un luminoso e fervido autunno. La Cappella Sistina ha l’unico grande difetto della presenza dei turisti. Per il resto è uno Stargate, una porta per il cielo, ed è per quello che sta in alto. Il Foro è un’unica grande stele commemorativa di ciò che era Roma, mangiata dal tempo, spogliata dai conquistatori, dimenticata e devastata dai suoi stessi abitanti, corrotta fino al basamento dei suoi edifici, ma ancora lì, impareggiabile pur nella rovina. Praticamente un plastico mentale dell’Italia di oggi.

Luoghi comuni: Venezia puzza

Luoghi comuni Venezia Canale di cannaregio

Venezia Canale di Cannaregio

Sarai tu che hai le narici marce. È come andare a teatro a vedere l’Edipo Re di Sofocle e dire che non ti è piaciuto perché le sedie in platea erano brutte. Perché, direte, uno non è libero di trovare orrenda una tragedia sofoclea? Liberissimo, ma una persona astuta, certi commenti se li tiene per sé. In caso di narici ipersensibili si consiglia di scegliere l’inverno, con le sue poetiche brume sulla laguna. In ogni caso Venezia merita che ci si turi eventualmente il naso.

Luoghi comuni: alle Maldive, dopo aver girato l’isola in dieci minuti, non resta più niente da fare

Luoghi comuni Maldive i fondali

Maldive i fondali

Fai una bella cosa: munisciti di maschera, boccaglio e pinne e buttati a mare. Sotto il pelo dell’acqua c’è la più sorprendente fauna ittica che un cittadino impigrito possa mai sperare di vedere.
Per divertirsi alle Maldive bisogna avere la prospettiva dell’archeologo. Quando non sembra di trovare le cose sopra, bisogna andarle a cercare sotto.

continua a pagina 2 

© RIPRODUZIONE RISERVATA