Venerdì 12 Aprile 2024 - Anno XXII

A Stoccolma un brindisi con Erik il Rosso

Cosa mangiavano gli antichi abitanti della Scandinavia? Come vivevano? Un operatore italo-svedese organizza un tour apposito a Stoccolma e nelle vicinanze per scoprire i segreti dei vichinghi. Un popolo temuto e misconosciuto

Le tipiche imbarcazioni vichinghe. Foto: PLN
Le tipiche imbarcazioni vichinghe. Foto: PLN

Tempi duri e gente ancora più dura. Nel Medioevo i vichinghi hanno abbondantemente lasciato tracce del loro poco gradito passaggio in tutta Europa. Per conoscere la loro cultura, come vivevano e come si nutrivano il tour operator GuidaStoccolma.eu propone un tour di quattro giorni con accompagnatore italiano per scoprire la loro storia in Svezia. Il tour ha un aspetto culturale con le visite all’Historiska Museet di Stoccolma dove è ospitata una collezione di 52 chili d’oro e 200 d’argento: monili, collane, corone e oggetti che ispirano anche i designer contemporanei. Si visitano anche Sigtuna, la città vichinga più antica ancora abitata in Svezia e Birka, un’isola raggiungibile in poco più di un’ora di navigazione da Stoccolma da dove partivano le incursioni verso le terre al di là del mare e soprattutto i commercianti navigatori che arrivarono fino al Mar Caspio risalendo i fiumi della Russia. Qui è possibile incontrarli impersonati da rievocatori che mostrano la vita quotidiana di qualche secolo orsono.

Menu vichingo

Il villaggio ricostruito secondo lo stile dell'epoca. Foto: Dorian
Il villaggio ricostruito secondo lo stile dell’epoca. Foto: Dorian

Il viaggio è anche gastronomico. Nei menu dei ristoranti storici si trovano piatti con gusti e ingredienti particolari come la carne di alce marinata, lo stufato di castoro, l’arrosto di cinghiale con mirtilli o il Gotländska Glödhoppor con Strunkamos, un antico piatto dall’isola di Gotland che consiste in carne d’agnello impanata alla senape con purea di verdure servita con pane fatto in casa. Oppure il risotto fatto con i chicchi di grano, le pere cotte allo zafferano in crema di mandorla… Il tutto servito da camerieri in vestiti d’epoca. Ci si siede su panche ricoperte da pelli di animali e l’illuminazione è a lume di candela. In una cantina nel centro storico di Stoccolma sarà possibile bere la bevanda tipica dell’epoca il Mjöd, l’idromele ottenuto dalla fermentazione del miele. Il locale propone come i vichinghi si divertivano e ci sono le riproduzioni degli oggetti trovati nelle tombe vichinghe: armi, bicchieri, piatti di legno, decorazioni. Anche la musica è suonata con le repliche degli strumenti antichi. La cucina è ispirata sempre ai ritrovamenti archeologici e oltre a proporre gli animali e le verdure esistenti in Scandinavia all’epoca è arricchita delle spezie che le navi vichinghe portavano a casa dopo i loro lunghi viaggi.

LEGGI ANCHE  Nacion Q’ero, viaggio in Perù tra gli ultimi Inca
Condividi sui social: