Sabato 20 Aprile 2024 - Anno XXII

Federviaggio: segnali incoraggianti per il turismo

Francesco Sottosanti, Direttore di Federviaggio Dopo un 2013 difficile, torna un leggero ottimismo negli italiani e la loro “voglia di vacanza” si sta trasformando in “prenotazioni” per le vacanze estive: questo è quanto emerge dai primi dati analizzati dall’Ufficio Studi Federviaggio. “Sono oltre 25 milioni gli italiani che quest’anno si muoveranno per le ferie, circa il 2% in più rispetto al 2013. Tra le destinazioni emergenti spuntano la Germania e la Lituania, riscuotono l’interesse degli italiani anche le mete esotiche lontane, come ad esempio Cuba e Repubblica Dominicana”, ha dichiarato Francesco Sottosanti, Direttore di Federviaggio – Associazione del turismo organizzato Confturismo-Confcommercio.Se … Leggi tutto

Francesco Sottosanti, Direttore di Federviaggio
Francesco Sottosanti, Direttore di Federviaggio

 Dopo un 2013 difficile, torna un leggero ottimismo negli italiani e la loro “voglia di vacanza” si sta trasformando in “prenotazioni” per le vacanze estive: questo è quanto emerge dai primi dati analizzati dall’Ufficio Studi Federviaggio. “Sono oltre 25 milioni gli italiani che quest’anno si muoveranno per le ferie, circa il 2% in più rispetto al 2013. Tra le destinazioni emergenti spuntano la Germania e la Lituania, riscuotono l’interesse degli italiani anche le mete esotiche lontane, come ad esempio Cuba e Repubblica Dominicana”, ha dichiarato Francesco Sottosanti, Direttore di Federviaggio – Associazione del turismo organizzato Confturismo-Confcommercio.

Se Spagna, Grecia e Portogallo mantengono un elevato interesse tra gli italiani, la difficile situazione in Egitto provoca un calo di quasi il 20% del flusso turistico dei viaggiatori italiani habitué del Mar Rosso.

Auspichiamo che le iniziative dedicate all’Egitto, già messe a punto dagli operatori di settore e le altre in programma, possano provocare effetti positivi su questa importante destinazione”, continua Sottosanti. Si registra, inoltre, un incremento del 7% delle prenotazioni dall’estero verso il nostro paese, sono i Russi ed i Tedeschi i più fedeli all’Italia che scelgono il Bel Paese per le città d’arte (Venezia, Firenze, Roma ecc..) e la riviera romagnola per il mare. La costa adriatica dal Veneto fino alla Puglia, passando dalla riviera romagnola e dalle Marche, sarà affollata anche dagli italiani che scelgono il mare per le ferie estive.

Nonostante la difficile situazione economica, il turismo “regge” e vede un lieve incremento nel breve periodo anche se le Istituzioni continuano a non agire per consentire al settore di diventare una vera leva strategica per l’economia del Paese”, conclude Sottosanti.

LEGGI ANCHE  Perde punti il turismo balneare

(01/07/2014)

Condividi sui social: