Venerdì 2 Dicembre 2022 - Anno XX
Sefarad, i “luoghi” della Spagna ebraica

Sefarad, i “luoghi” della Spagna ebraica

Tante città (importanti e meno) disseminate nella grande penisola iberica, che hanno conservato, in maggiore o minore evidenza, le tracce di un passaggio storico e umano degli Ebrei. L’elenco segnala le vie, i monumenti, i musei più significativi. Persino i “cementerios” che hanno accolto le spoglie mortali

La sinagoga di Cordoba  © Turespaña
La sinagoga di Cordoba © Turespaña

Narrate, nella precedente puntata, le vicende storiche della presenza ebraica in Spagna, non resta che accennare – consultando l’opuscolo Caminos de Sefarad, pubblicato dalla Red de Juderias de España – alle località che custodiscono le huellas, tracce, databili dai primi secoli dell’era cristiana al 1492, anno dell’espulsione degli Ebrei).  

 

Avila – La Hospederìa, la Sinagoga en Calle Reyes Catolicos, la Sinagooga del Pocillo; è inoltre visibile l’unico documento che nel 1492 obbliga gli ebrei a conventirsi o esiliarsi.

 

Barcelona Di visitabile non c’è molto. Resta poco della Call (il barrio/quartiere judìo, che ospitò fino a 3500 persone), tra il poco recuperado, il Centro de Documentaciòn de la Call.

 

Besalù – Visitabili i Micvè (bagni di purificazione), i resti della sinagoga e il Centro Cutural Curia Real (antica casa della famiglia Astruc).

 

CaceresImportanti le huellas/tracce nella importante città Patrimonio dell’Umanità. Nella Ciudad Monumental Amurallada la Juderìa Vieja (con la sinagoga, divenuta Ermita de San Antonio) e la sinagoga della Juderìa Nueva nel Palacio de la Isla.

 

Calahorra – Nel XIV secolo vi visse un centinaio di famiglie, ma, attualmente, della Juderìa  resta poco, unici documenti, nella Cattedrale, la cessione di una sinagoga al Cabildo e una Torah.

 

Castellò d’Empuries – Documentazione della presenza judìa nel Museo de Historia Medieval Curia-Presò; è inoltre in calendario Jornada Europea de la Cultura Judìa.

 

Cordoba – Per certo la più importante località spagnola quanto a monumenti e tracce della presenza ebraica (basti citare Maimonides e ministri ebrei dei monarchi musulmani). Si visitano la sinagoga, il Museo arquelogico, la Casa de Sefarad e la Casa Mazal; in giugno Festival internazionale di Musica Sefardì.  

Inquisizione a Jaèn e cucina Sefardì a Plasencia

Estella/Lizarra – Antica sinagoga di Elgocena (attuale chiesa di Santa Maria Jus del Castillo), giro delle mura della Juderìa Nueva.

 

GironaNel centro della città medioevale, la più importante Call della Catalogna, propone huellas (alcune calles preservate nel tempo) e soprattutto il Centro Bonastruc ça Porta che ospita il Museo de Historia de los Judios e l’Instituto de Estudios Nahmànides).

 

Hervàs – Apprezzabili recenti tentativi di ricostruzione del quasi niente che restava. Puente de la Fuente Chiquilla, Calle Robilero e Calle del Vado. Visite guidate.

 

Jaèn – Tanti juidaizantes giustificarono la prolungata presenza dell’Inquisizione. Fu sinagoga la Iglesia de San Andrès, bagni arabi usati anche dalla comunidad judìa).

 

Leòn – Huellas de la Juderìa nel Barrio Hùmedo, mercato medioevale delle Tres Culturas.

 

Lucena – Conosciuta come la Perla del Sefarad in Andalusia, visitabile  la Necropolis Judìa, il Centro Documentaciòn de la Ciudad; in dicembre Giornate El Mundo Funerario en Sefarad.

 

Monforte de Lemos – Poche tracce nella Calle Falagueira e Casas de los Gaibor, la più nota famiglia ebrea della località, Puerta Nueva Muralla Medieval.

 

Oviedo – Poche o nulle le effettive, esistenti huellas, tracce ebraiche (è citato un Casino Sinagoga e sull’attuale teatro Campoamor esisteva un cementerio judìo…). Esistono invece alcune manifestazioni culturali.

 

Palma de Mallorca – Oltre al Museo, tracce nelle Calles: del Sol, del Temple, de les Escoles, de Sant Jeroni.

 

Plasencia – Varie Rutas: de la Juderìa de la Mota, judeo-cristiana, dela Juderìa de la Calle de Trujillo, de los Conversos. Settimana de Cocina Sefardì.

Chiese (ex Sinagoghe) a Siviglia e Toledo

Ribadavia – Cittadina galiziana un tempo fiorente, Centro de Informaciòn Judìa de Galicia, calle de la Juderìa (attuale Merelles Caula).

 

Segovia – Antica sinagoga Mayor (chiesa del Corpus Christi), Centro didactico de la Juderìa, cementerio judìo, Curso de Juidaimo Hispano.

 

Sevilla – Città grande ma (salvo una Necropolis) poche tracce ebraiche (nel 1391 il judìo, attuale Barrio de Santa Cruz fu saccheggiato dai cristiani e le sinagoghe divennero le attuali chiese).

 

Toledo – Basta segnalare che è nota come Capital de Sefarad e Jerusalèn de Occidente, sinagoghe di: Santa Maria la Blanca, del Transito, Museo Sefardì, antica sinagoga de Samuel ha-Levi, Casa del Judìo, Corsi di ebraico

 

TortosaJuderìas Vieja y Nueva, interessanti le Casas Colgadas, Centro de Interpretaciòn de la Juderìa ‘Moshè de Portella’.

Tudela – Città natale di Benjamìn de Tudela, Casa Judìa en Calle Dombriz, Catedral – Sinagoga, plazas de la Juderìa e Yehuda-ha Levi.  

(03/07/2014)

© RIPRODUZIONE RISERVATA