Lunedì 24 Giugno 2024 - Anno XXII

I musei fanno il pieno di visitatori

Il sito archeologico di Ostia AnticaLa presenza dei visitatori nei musei italiani ha segnato soddisfacenti incrementi nel mese di luglio scorso. Secondo il Ministero dei beni culturali, nei luoghi ad alta densità culturale, quali zone archeologiche, monumenti e pinacoteche si è registrata una crescita del 10,7 per cento di pubblico e del 10,6 per cento degli introiti. Complice probabilmente l’iniziativa del prolungamento serale degli orari del venerdì e dell’ingresso senza biglietto la prima domenica del mese. Le quattro aperture con orario prolungato serale del venerdì, sottolinea il ministero dei Beni culturali Dario Franceschini, “hanno riscosso una crescente attenzione da parte … Leggi tutto

Il sito archeologico di Ostia Antica
Il sito archeologico di Ostia Antica

La presenza dei visitatori nei musei italiani ha segnato soddisfacenti incrementi nel mese di luglio scorso. Secondo il Ministero dei beni culturali, nei luoghi ad alta densità culturale, quali zone archeologiche, monumenti e pinacoteche si è registrata una crescita del 10,7 per cento di pubblico e del 10,6 per cento degli introiti. Complice probabilmente l’iniziativa del prolungamento serale degli orari del venerdì e dell’ingresso senza biglietto la prima domenica del mese. Le quattro aperture con orario prolungato serale del venerdì, sottolinea il ministero dei Beni culturali Dario Franceschini, “hanno riscosso una crescente attenzione da parte dei visitatori, con degli incrementi pari a oltre il 20% a ogni appuntamento”.

Il sito archeologico di Ostia Antica è stato, nel mese di luglio, il più visitato in Italia ottenendo in assoluto il risultato migliore, con il +23,4% di pubblico e il +27,5 di incassi, mentre Colosseo, Foro romano e Palatino segnano un +6,9% di visitatori e un +1,8% degli introiti; contro il +7,2% di Pompei, il +15,9% degli scavi di Ercolano e il +9,4% di pubblico degli Uffizi di Firenze.
Dai dati del ministero risultano significativi gli aumenti di visitatori anche alla Galleria nazionale di Parma (+56%), al Museo archeologico di Sassari (+80%), al Museo archeologico di Ferrara (+118%), al Circuito museale di Arezzo (+212%), al Museo nazionale di Este (+57%), al Museo archeologico di Adria (+124%) e al Museo archeologico di Cassino (+80%).

(25/08/2014)

LEGGI ANCHE  L'Aja tra modernità e tradizione
Condividi sui social: