Giovedì 29 Settembre 2022 - Anno XX
Rijeka (Fiume) tra passato e modernità

Rijeka (Fiume) tra passato e modernità

Fiume è la terza città della Croazia lungo la riviera del Quarnero. Una posizione geografica invidiabile turisticamente. Città multietnica, cosmopolita dal cuore giovane che sa stupire per la qualità architettonica

La pesca e il mercato del pesce

Palazzo Modello
Palazzo Modello

Un po’ più avanti, ci si imbatte nel Palazzo Modello, di chiara ispirazione francese che ospita la Biblioteca civica, a pochi passi dal teatro nazionale Croato intitolato al compositore “Ivan Zajc”. E proprio a questo punto, non potranno sfuggirvi i tre padiglioni color verde che ospitano il mercato cittadino, realizzati a cavallo tra XIX e XX secolo.
Di mercati coperti ve ne sono molti in Europa, ma il mercato coperto del pesce di Rijeka, l’ultimo dei tre padiglioni, va proprio visitato per la bellezza degli elementi decorativi che lo arricchiscono. Il pesce, si intuisce appena si varca la soglia della struttura, è merce nobile e preziosa e come tale va trattata. Le cassette che contengono il cibo che arriva dal mare, vengono disposte su piani in marmo, decorati con fregi. Cosi come fregi si ritrovano sulle pareti, a rappresentare pesci e molluschi. In sintesi, un ambiente funzionale ed elegante che sembrerebbe improprio definire mercato comunale.

Città cosmopolita proiettata verso la modernità

Rijeka Gateway
Rijeka Gateway

Ritornando verso la Riva, si cerca di immaginare come sarà l’area portuale dopo la realizzazione del progetto di modernizzazione Rijeka Gateway, che ne cambierà il volto. Indubbiamente siamo in una città che sa stupire per la qualità architettonica di alcune sue opere recenti: basti citare l’avveniristica moschea, inaugurata nel 2013, situata in collina (nel quartiere Gornji Zamet) che nasce dalla sintesi del progetto di uno scultore e di uno studio di architettura della capitale.
Rijeka infatti non vive solo dei ricordi del suo passato, ma è una città dal cuore giovane, cosmopolita, con grandi progetti per il suo futuro. E attenta a preservare le sue tradizioni, la qualità dell’ambiente, capitali fondamentali per un Paese che ha fatto del turismo una risorsa di primaria importanza.

Dal Tersatto vista incantevole della baia

Rijeka, il Castello
Rijeka, il Castello

Per cogliere il cuore pulsante della città, basta tuffarsi nel Korzo, la sua arteria pedonale, che brulica ad ogni ora del giorno. Con i suoi numerosi locali, le vetrine dei negozi, le facciate curate dei palazzi storici che si alternano agli edifici moderni, qui si coglie la vivacità e l’entusiasmo di Rijeka. A circa metà del Korzo vi imbatterete in un luogo simbolico: la torre municipale con l’orologio, sovrastato dallo stemma della città, un’aquila a due teste, voltate entrambe verso sud-est, che poggia su un’anfora da cui sgorga acqua. Un’acqua abbondante, che ristora, fresca e limpida come si dice sia l’acqua potabile della città, che arriva dai monti che la sovrastano.
E prima di lasciare Rijeka proprio verso l’alto bisogna salire, se avete buone gambe, per raggiungere la collina di Tersatto (Trsat), attraverso la scalinata di cinquecento gradini  che vi condurrà al Santuario e al Castello. Quest’ultimo tra le più antiche fortificazioni presenti sul litorale croato, teatro di numerosi eventi culturali nelle sere d’estate.
Se la giornata è limpida, come capita spesso da queste parti, porterete con voi il ricordo di un’incantevole vista sulla baia del Quarnero.

Info: www.visitrijeka.eu

© RIPRODUZIONE RISERVATA