Giovedì 13 Giugno 2024 - Anno XXII

San Marino alla Biennale di Venezia

Il Chiostro di San Salvador, uno dei luoghi in cui verranno installate le opereDopo qualche anno di assenza, la Repubblica di San Marino torna alla Biennale d’arte di Venezia, dal 9 maggio al 22  novembre, con il progetto “Friendship Project – China”, curato da Vincenzo Sanfo, organizzatore di fama internazionale, già curatore della Biennale di Pechino. “Friendship Project” prevede di accomunare agli artisti sammarinesi gli artisti cinesi, creando una sorta di gemellaggio artistico – culturale tra una delle più piccole e una tra le più grandi repubbliche del mondo, la Repubblica Popolare di Cina. Il progetto vuole porre l’accento sulla … Leggi tutto

Il Chiostro di San Salvador, uno dei luoghi in cui verranno installate le opere
Il Chiostro di San Salvador, uno dei luoghi in cui verranno installate le opere

Dopo qualche anno di assenza, la Repubblica di San Marino torna alla Biennale d'arte di Venezia, dal 9 maggio al 22  novembre, con il progetto "Friendship Project – China", curato da Vincenzo Sanfo, organizzatore di fama internazionale, già curatore della Biennale di Pechino.
"Friendship Project" prevede di accomunare agli artisti sammarinesi gli artisti cinesi, creando una sorta di gemellaggio artistico – culturale tra una delle più piccole e una tra le più grandi repubbliche del mondo, la Repubblica Popolare di Cina. Il progetto vuole porre l'accento sulla necessità di collaborazione e dialogo tra i popoli.

Alla Biennale parteciperanno 11 selezionatissimi artisti, 6 sammarinesi e 5 cinesi,  verranno realizzate decine di installazioni e proposti centinaia di eventi. Verranno esposte opere di grande valore, non solo artistico, ma anche sociale. Le opere degli  artisti saranno esposte in alcuni tra i più prestigiosi luoghi della città di Venezia come l'Ateneo Veneto di Scienze Lettere ed Arti, che per la prima volta apre le sue porte all'arte contemporanea, il Chiostro di San Salvador, detto anche Spazio Telecom Future Center e il Palazzo Rota Ivancich.

(16/04/2015)

LEGGI ANCHE  Yanomani: "Urihi a pree" la foresta degli esseri umani
Condividi sui social: