Giovedì 13 Giugno 2024 - Anno XXII

Culturonda Ötzi-Tour: sulle tracce dell’uomo venuto dal ghiaccio

Ötzi

Fino all’8 ottobre, una serie di escursioni permetteranno di scoprire la storia di Ötzi, una delle mummie più antiche al mondo: un vero e proprio salto indietro nel tempo, che parte dal Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano

Ötzi
Ricostruzione della mummia Ötzi, al Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano

Estate all’insegna della scoperta a Bolzano e dintorni. Merito di Culturonda Ötzi-Tour, un nuovo itinerario guidato che ripercorre la storia della celebre mummia conservata al Museo Archeologico dell’Alto Adige di Bolzano. Proprio da qui partiranno le escursioni, in programma il secondo giovedì del mese fino all’8 ottobre, per vedere da vicino Ötzi, una delle mummie più antiche al mondo. Una guida accompagnerà i partecipanti, spiegando le scoperte scientifiche più importanti che sono state possibili grazie a questo ritrovamento, avvenuto nel 1991.

Ötzi, vissuto circa 5mila anni fa e morto sul ghiacciaio di Senales, è un raro caso di mummificazione umida o naturale, che ha conservato intatto anche tutto il suo vestiario e l’equipaggiamento. Nella sua teca sono ricostruite artificialmente le condizioni climatiche che hanno consentito la sua eccezionale conservazione (temperatura costante sotto i -6°C e tasso di umidità prossimo al 100%).

Culturonda Ötzi-Tour proseguirà poi all’Archeoparc in Val Senales, con trasferimento in minibus e sosta per il pranzo. Nel parco, situato nella zona di ritrovamento del reperto, è stato ricostruito il modello di villaggio in cui Ötzi  viveva e illustra la vita che si svolgeva a quei tempi (3.300/3.100 a.C.). Anche il pranzo, incluso nella quota di partecipazione, è improntato sull’alimentazione tipica dell’epoca.

Prossimi appuntamenti: 9 luglio, 13 agosto, 10 settembre, 8 ottobre

Per ulteriori informazioni: www.bolzanodintorni.info/it/le-sue-ferie/highlights/culturonda-oetzi-tour/

LEGGI ANCHE  Vinitaly 2016: la cultura del vino si scopre a Verona
Condividi sui social:

Lascia un commento