Mercoledì 5 Ottobre 2022 - Anno XX
Skin&Food, Mediterraneo

Skin&Food, Mediterraneo

Skin&Food: quando il cibo diventa donna

Dal 9 ottobre al 10 novembre 2015, al Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma, in mostra Skin&Food di Cristiano Maggi

Locandina di Roma

Locandina di Roma

Dopo il grande successo dell’esordio ed in contemporanea all’esposizione milanese nel contesto di ExpoInCittà Milano, arriva in anteprima a Roma il progetto fotografico Skin&Food di Cristiano Maggi, fotografo pubblicitario milanese, nella cornice del foyer del Teatro Parioli Peppino De Filippo, dal 9 Ottobre al 10 Novembre 2015 con ingresso libero.
In Skin&Food l’autore esalta i prodotti della tradizione mediterranea accolti dalla bellezza e dalla grazia di un corpo femminile. La Donna, lontana dall’essere trattata come oggetto pubblicitario, diviene una sorta di Dea del Cibo che ci accompagna alla scoperta di ogni immagine a cui corrisponde un titolo che rende omaggio, in un gioco di allusioni, al cinema d’autore. Scatti coloratissimi che spaziano da collane di pomodorini a pendagli di pasta che vestono donne assimiliate a novelle Dee del cibo. Una sorta di omaggio alla nutrizione d’autore che sollecita tutti e cinque i sensi.

Skin&Food_Sushi-Girl

Sushi Girl

Da oltre vent’anni lo studio di Cristiano Maggi si occupa a Milano di fotografia pubblicitaria e in particolare di fotografia alimentare, spaziando dall’immagine editoriale per riviste di cucina alle prelibatezze presenti sulle confezioni degli alimenti che ogni giorno acquistiamo per le nostre tavole o che vediamo affisse ai muri delle nostre città.
L’attività dell’Autore è ovviamente orientata a un approccio professionale, comunque permeato dalla ricerca espressiva e dall’innovazione. In questo ambito si inseriscono i suoi progetti personali, svincolati da qualsiasi obbligo di committenza, seguendo la propria ispirazione, con il desiderio di aprirsi e di mettersi in gioco, ma anche di sperimentare, da cui è nato, nel 2007, il progetto Skin&Food.

Per maggiori informazioni: www.teatropariolipeppinodefilippo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA