Martedì 16 Aprile 2024 - Anno XXII

Da Milano a Roma low cost su gomma

roma-milano

Chi ama viaggiare può andare da Milano a Roma per 1 euro. Spigolature propone al Coni di donare ai footballeurs una copia del “Galateo di monsignor Della Casa”. Certi titoli sui giornali invitano a rispondere tristemente. Milano, dalla polemica sui bilanci Expo alla vicenda delle cacche dei cani

megabus-autobus-low-cost
Megabus, autobus low cost

A chi ama viaggiare (per questo legge mondointasca) farà piacere (non tutti possono permettersi i treni “del Luca” o delle “ex FFSS”) sapere che da Milano si può andare a Roma per 1 euro.
Eh sì, partenza (megabus, a 2 piani, 87 posti a sedere, wifi) da Milano alle 4.15 del mattino, soste a Bologna e Firenze, arrivo a Roma alle 14.10. Da cui (non senza un plauso a “megabus.com”, interessante Low Cost ‘on the road’) il compiacimento di “Spigolature”, lieti di constatare che viaggiare costa sempre meno (eppertanto son cacchi di chi vuol restare stupidino non girando il mondo).

 Visto quel che accade, anzi, ‘quel che si dicono’ (fortunatamente solo tra loro) negli stadi di Calcio del Belpaese, Mondointasca (nella semiridanciana versione “Spigolature”) propone al Coni di donare ai footballeurs una copia del “Galateo di monsignor Della Casa”.
Corriere della Sera … 25/1, pag. 36, partita Juventus – Roma: “Labiale razzista di De Rossi a Mandzukic: “Muto, zingaro di merda” … 21/1, pag. 50, partita Napoli – Inter, l’allenatore del Napoli,  Sarri, a Mancini: “Frocio, finocchio” (puntualmente tradotto dal quotidiano inglese “Guardian” in Faggot, dal francese “Equipe” in Pedè (ma dicesi anche Pedale, ndr) nonché dallo spagnolo “As” in Maricòn).

Certi titoli sui giornali invitano a rispondere tristemente (esempio, Corriere/Milano, 25 gennaio: “Arrivano i tagli…. Ospedali in rosso”).
… Futuri ammalati al verde …

Non c’è solo (nel suo piccolo) questa balda rubrica a ritrovarsi incuriosita (e forse se ne vedranno delle belle) sul bilancio dell’Expò…
Corriere/Milano, 26/1: “Fuoco incrociato sui conti Expò … tutti i dubbi dei consiglieri…”.

pistoia
Pistoia

Pistoia è stata “eletta” Capitale della Cultura 2017.
… “fregando” la concorrenza di Aquileia, Como, Ercolano, Parma, Pisa, Spoleto, Taranto e Terni (città kilometricamente più lontane da Firenze. Elementare Watson: come se, un po’ di anni fa, in una similare “elezione” non avrebbe vinto Forlì, ben più vicina a Predappio di altre (più meritevoli o no) concorrenti. Noblesse oblige…

E oltre che della polemica sui danèe spesi per l’Expò “Spigolature” ha (pure) le balle piene sulla vicenda delle cacche dei cani a Milano.
Puntuale come un orologio svizzero, infatti, un giorno si e un giorno no nelle “Lettere a Isabella Bossi Fedrigotti” spunta il solito perbenista lamentante che i padroni non portano via le merde (secondo il Corriere: deiezioni) stradali depositate dai loro quadrupedi canidi. E a ‘sto punto, visto che a chiarire la vicenda non ci pensa la titolare della sullodata rubrica cittadina, provvede “Spigolature” informando (e invitando a mettersi il cuore in pace) che i geni dell’asporto dal marciapiedi della cacca dei cani non risiedono nel dna del popolo italiano (fermo restando il buon livello civico del cittadino ‘medio’ milanese).

LEGGI ANCHE  Milano, nuovo omaggio a Umberto Boccioni

Ancora un po’ che si parla di Europa (tanti decennali blablabla ma niente di concreto, di etico e culturale, solo affari bancari) “Schengen in bilico per 2 anni”, Corriere 26/1
andrà a finire che per andare in Svizzera si dovrà chiedere il visto al consolato di competenza.

Condividi sui social:

Lascia un commento