Domenica 23 Giugno 2024 - Anno XXII

Salento, unione dei comuni per promuovere le civiltà Messapiche

Comuni Lecce-facciata-chiesa-Santa-Croce

Firmata a Vaste, nel Palazzo Baronale, la convenzione che impegna i quindici comuni del Salento a promuovere le testimonianze archeologiche delle civiltà Messapiche. Ricordata l’alleanza Messapica che nel 437 a.C. si unì per combattere chi aveva soffocato la libertà delle genti delle “Terre di Mezzo”

Comuni museo archeologico Vaste
Reperti nel Museo Archeologico di Vaste

Un patto fra 15 Comuni del Salento, sancito con la firma di una convenzione, è stato firmato sabato 23 gennaio 2016 nel Palazzo Baronale di Vaste per lo svolgimento coordinato di attività volte alla valorizzazione ed alla promozione delle testimonianze archeologiche delle civiltà messapiche. I Comuni di Otranto, Manduria, Salve, Torchiarolo, Lecce, Nardò, Muro Leccese, Oria, Cavallino, Ugento, Alezio, Poggiardo, Ortelle, Castro, Diso hanno ricordato l’alleanza messapica sancita per combattere il nemico lacedemone di Taras, che aveva soffocato la libertà delle genti che abitavano la ‘Terra di Mezzo’. Correva l’anno 437 a. C. e la riunione segreta dei Curioni Messapici piantò in quella terra sottomessa il seme del riscatto. Il desiderio d’indipendenza si rafforzò affiancandosi al sentimento di solidarietà. Così la Messapia insorse e, nel contempo, si alleò con la città di Thurii, colonia panellenica fra Kroton e Polièion, scendendo in guerra contro i Tarantini.
Quasi 2.500 anni dopo i Comuni riconoscono la sacralità e le prospettive di quella alleanza, non in funzione militare ma per valorizzare la storia comune e il territorio, la cultura e il paesaggio rimasto quasi immacolato a dispetto dei tempi e dell’incuria degli uomini.

Adesione anche da Regione e provincia di Lecce

Comuni Emiliano-visita-il-museo-di-Vaste
Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano visita il Museo Archeologico di Vaste

La convenzione mira a mettere in rete i beni culturali e le bellezze territoriali e soprattutto a promuovere dal punto di vista turistico coste, entroterra e prodotti enogastronomici locali. Si propongono perciò itinerari di terra e di mare, si mettono in evidenza luoghi della storia e della memoria in continuità con la storia degli uomini e delle donne di oggi e, in una prospettiva di pace e di cooperazione fra i popoli, di quelli di domani.
Alla cerimonia hanno partecipato anche i Sindaci dei Comuni di Melendugno, Mesagne e Galatone, mentre rimangono in attesa di contrarre il patto anche i Comuni di Brindisi, Gallipoli, Carovigno, Ceglie Messapico, Erchie, Fasano, Grottaglie, Latiano, Ostuni, Patù, Porto Cesareo, Soleto, S. Pancrazio Salentino, S. Vito dei Normanni, Vernole e Villa Castelli, dove i resti materiali e artistici della civiltà messapica hanno lasciato oggetti d’uso comune, vasi, sculture, tombe, steli funerarie, statue, tesoretti e ricchi corredi funerari. Provincia di Lecce e Regione Puglia hanno aderito all’iniziativa, che coinvolgerà nelle intenzioni dei firmatari il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento.

LEGGI ANCHE  Firenze, apre il nuovo museo dell'Opera del Duomo
Condividi sui social:

Lascia un commento