Giovedì 1 Dicembre 2022 - Anno XX
La Basilica di Capua candidata per l’Unesco

La Basilica di Capua candidata per l’Unesco

La Basilica Benedettina di Sant’Angelo in Formis, in provincia di Caserta, verso il riconoscimento Unesco. Tra le più significative espressioni di architettura romanica e un importante ciclo di affreschi di scuola bizantino campana. La Basilica fu edificata nel X secolo sui ruderi del tempio dedicato a Diana Tifatina

sant_angelo_in_formis

Basilica Benedettina di Sant’Angelo in Formis di Capua

La Basilica Benedettina di Sant’Angelo in Formis di Capua verso il riconoscimento dell’Unesco. Ad annunciarlo l’assessore alla cultura, musei, biblioteche e riqualificazione urbana del Comune di Capua Jolanda Capriglione. “Grande gioia: la Basilica Benedettina di Sant’Angelo in Formis ha superato tutte le prove italiane, le più temibili. Dopo la lunga e complessa analisi del MIBACT fra decine di richieste,  l’Unesco Italia, propone a Parigi la nostra splendida Basilica per il riconoscimento come Patrimonio Mondiale. Abbiamo superato tutte le prove più difficili, siamo di fatto alla fine del lungo, difficilissimo percorso. Abbiamo ben ragione di essere orgogliosi. Cominciamo a far festa perché è e deve essere festa per le Basiliche Benedettine, per Sant’Angelo in Formis, per Capua.”

basilica-sant'angelo-in-formisTra le più significative espressioni di architettura romanica, con un importante ciclo di affreschi di scuola bizantino campana, la Basilica fu edificata nel X secolo sui ruderi del tempio dedicato a Diana Tifatina. Di quest’ultimo sono stati reimpiegati, nella ricostruzione della basilica del 1072 voluta dall’abate Desiderio di Montecassino, capitelli corinzi, colonne e il pavimento. La facciata è preceduta da un ampio porticato a 5 arcate, quelle laterali sono ogivali e la centrale, più alta, presenta un arco a tutto sesto. Tutte le arcate sono state realizzate con elementi marmorei di reimpiego. Il campanile ha un basamento in blocchi di pietra, fregio con decorazioni e bifore al secondo livello. La chiesa è a pianta basilicale divisa in tre navate ciascuna delle quali culminante in un abside semicircolare. Le colonne che dividono le navate hanno capitelli corinzi provenienti dal preesistente tempio di Diana e fusti di colonne dalle molteplici varietà di marmi. Da notare l’importante ciclo pittorico di affreschi con scene tratte dall’Antico e Nuovo Testamento.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA