Giovedì 1 Dicembre 2022 - Anno XX
Tram turistici addio!

Tram turistici addio!

La vista della città di Milano in Tram Turistici, lo dice il Corriere, è stata cancellata. Un’idea fallimentare. La ragione del flop pare sia dovuta al costo eccessivo del biglietto

Milano---Tram-seightseeing-tourTuristicamente parlando, a Milano c’è ancora da attendere un pochino (un paio, massimo tre anni: il tempo di lasciar ammuffire e sbriciolare i muri nonché di far crescere le erbacce sui terreni abbandonati: a tempo debito Spigolature ne riparlerà abbondantemente) per la visita con partenza in bus da piazza Duomo alle Rovine di Expò … mentre (ohèi, “lo dice il Corriere”) sembra che sia stata cancellata (secondo i meno cauti “provvisoriamente”, i più pessimisti dicono invece “andata a puttane”) l’idea dei (peraltro già fermi dal dicembre 2015) Tram Turistici (nel senso di “Sightseeing Tours cunt la perteghèta”…).
Eh sì, informa il Corriere (8/2) che la “novità” (a suo tempo c’è chi la definì “brillante”, pover pirla, e stavolta non si può dire “figlia dell’Expò” imperocché nacque una settimana prima della chiusura) della Visita della Città meneghina in Tram Turistico (niente a che vedere con quelli giallo/arancione, ‘da trasporto umani’, questi erano verde/scacazzino e rosa/fragola ma sul marcio) è miseramente fallita (per dirla col poeta, è andata a puttana) essendo stati, i tram, almeno provvisoriamente bloccati nelle loro rimesse (per certo invidiati dagli altri tram, milanesemente costretti a lavorare).

Milano---bus-tour-cittàLe ragioni di ‘sto flop (nel senso di fallimento, idea del menga, che prevedeva saliscendi lungo un paio di itinerari con alto numero di attrazioni e bellezze turistiche a portata –di piedi- del turista)? Si parla di costo eccessivo: 25 euro: cacchio! un capitale, appetto ai giri della città –in comodi bus con tanto di spiegazione in tante lingue- già collaudati in centinaia di città del mondo, Milano compresa). Dopodiché il ‘Corrierone’ elenca pure l’assenza di info in tedesco (e Spigolature si affretta a spiegare ai –già falliti o fallendi?) – organizzatori di questa brillante gita turistico-tramviaria che, ogni tanto, dalle parti di Milano/Mailand fan capolino viaggiatori germanici, svizzero/germanici, austriaci e bergamaschi che con la lingua tedesca, o quantomeno con la pronuncia, possiedono una certa dimestichezza. Infine (Last but not least, ma questo è inglese, che però tutti studiano ma –a detta del solito, “autorevole” quotidiano milanese- sembra che nessuno lo sappia parlare, e Spigolature tornerà presto su questo argomento) di info (su questi “TT Tram Turisti” –bella, eh? copyright/invenzione di Spigolature-) manco a parlarne, e non solo!, sembra infatti che nemmeno alle fermate lungo l’itinerario (bensì solo al capolinea) sia precisato “dove va” (e magari si ferma pure) tanto ineffabile (però) Turistico, Tram (del Desiderio, di vedere ….). Mah (e “chi dice ma” … cuor –turisticamente- contento, non ha …).

© RIPRODUZIONE RISERVATA