Martedì 23 Luglio 2024 - Anno XXII

YAMGU e Gnammo: il social travelling sposa il social eating

Palermo il duomo

Itinerari, mostre, concerti. Ma anche cene, pranzi e aperitivi. Con YAMGU, la piattaforma di social travelling 3.0, viaggiare e divertirsi è ancora più facile grazie alla nuova integrazione con Gnammo, il portale di social eating italiano

Gnammo
Gnammo

Un viaggio a 360 gradi, scoprendo luoghi, assaggiando piatti tipici, provando esperienze uniche. È questo che offre YAMGU, la piattaforma di social travelling 3.0, che da poco integra Gnammo, il portale italiano di social eating dedicato alla ristorazione e agli eventi conviviali casalinghi, e Viator, uno dei maggiori fornitori di local experience facente parte del gruppo Tripadvisor.
Accedendo a YAMGU da desktop o da app, è possibile navigare nella nuova sezione “Experience”, dove trovare e acquistare le cene e gli eventi organizzati dagli oltre 185.000 gnammer italiani che scelgono la tavola come luogo ideale per stringere amicizie: chiunque, semplice appassionato o più esperto in cucina, può organizzare eventi food in casa propria, aprendo la tavola agli altri membri della community.

YAMGU: You Are My GUide

YAMGU
YAMGU, App in uso

YAMGU è in grado di creare per ciascun utente itinerari di visita personalizzati in oltre 3.200 comuni italiani consigliando i percorsi migliori aggiornati in tempo reale: integrando open data e User Generated Content, interagisce con i social trend e con i servizi meteo, consente di impostare il tempo che si ha a disposizione per effettuare il percorso e suggerisce i luoghi di interesse, fornendo curiosità a riguardo e informazioni su orari di apertura.
Nella sezione Experience è possibile scoprire le local experience e i tour più belli e curiosi con Viator, il portale per prenotare le migliori esperienze di viaggio in tutto il mondo, nonché prenotare subito e direttamente le guide professioniste, le visite tematiche e i biglietti per saltare la fila.

Per maggiori informazioni:
www.yamgu.com
www.gnammo.com

LEGGI ANCHE  Il Trentino Alto Adige ospita “Cantine Aperte”
Condividi sui social:

Lascia un commento