Venerdì 23 Febbraio 2024 - Anno XXII

Nel segno d’artista, città europee da visitare

Visitare barcellona-fondazione-miro

Le città da visitare seguendo l’artista che vi è nato. Scoprirete luoghi meravigliosi, musei a loro dedicati, case da esplorare. In questa terza puntata vi portiamo in Germania e Spagna a conoscere Albrecht Dürer, Ferdinand Hodler, Pablo Picasso, César Manrique, Joan Miró

Per i lettori viaggiatori e appassionati d’arte proseguiamo la segnalazione delle città famose da visitare anche perché vi sono nati personaggi che hanno contribuito a darne lustro con la loro arte. Luoghi meravigliosi dove troverete musei a loro dedicati, case da esplorare, statue da ammirare o interi quartieri dove andar a caccia di scorci celebri immortalati sulle loro tele. Le cinque città di questo terzo servizio si trovano in Germania e Spagna.

Albrecht Dürer, Norimberga – Germania

Visitare norimberga-germaniaAlbrecht Dürer, pittore, incisore e matematico tedesco, le sue tele hanno superato il Gotico vigente fino ad allora in Germania per approdare a un Realismo dai tratti fiamminghi e dal tocco italiano. Maestro del ritratto e dell’autoritratto, Dürer è l’artista di Norimberga. In città si può visitare la sua casa a graticcio e il suo laboratorio, poco distante dal Castello. L’abitazione è stata recentemente ristrutturata per accogliere i visitatori in quella che era la sua alcova, con all’interno gli ambienti originali e le attrezzature per la stampa ancora funzionati. Una meta perfetta per un weekend in novembre, il mese più economico per visitare la Germania, secondo Skyscanner.it perché i voli costano circa il 13% in meno rispetto alla media annuale.

Ferdinand Hodler, Berna – Germania

Visitare berna-germaniaBerna è da visitare per scoprire come natura, amore e morte sono i temi più ricorrenti delle opere di Ferdinand Hodler, nato e cresciuto in questa città, poi trasferitosi e morto a Ginevra. I suoi paesaggi raccontano le atmosfere quasi rarefatte della montagna, dove le vette innevate incontrano i cieli aranciati, quelli dei magici tramonti alpini, o si riflettono a perfezione nei laghi glaciali che si fanno specchio. Sono passati anni dall’ultima retrospettiva dedicata all’artista in città, eppure Berna gli è tanto devota. Come è devota anche a Paul Klee, un altro grande artista svizzero che dal 2005 vanta un museo tutto suo, lo Zentrum Paul Klee, progettato da Renzo Piano.

LEGGI ANCHE  Enigmistica per partire, viaggiare, arrivare con la mente accesa

Pablo Picasso, Malaga – Spagna

Visitare malaga-spagnaInnovatore, dissacrante, poliedrico, Pablo Picasso è stato un genio dell’arte del XX secolo nonché fondatore, insieme all’amico Georges Braque, del Cubismo. Per scoprire qualcosina in più sulla sua figura di artista basta volare a Malaga, nel cuore della calda Andalusia, dove è nato nel 1881 e dove si trova la sua casa natale oggi Fondazione. Al civico 15 di Plaza de la Merced si trova un edificio bianco e giallo che fa angolo e che possiede una collezione permanente di sue opere originali, tra ceramiche, incisioni e libri illustrati.

César Manrique, Lanzarote – Spagna

Visitare lanzarote-spagnaPittore, sculture, urbanista e paesaggista, César Manrique è famoso in tutto il mondo ma solo nella sua isola natale, Lanzarote, è il “re” incontrastato dell’arte. Lui ha plasmato l’arido paesaggio delle Canarie in un vitale tempio di creatività, a partire dalla sua prima opera: la grotta dei Jameos del Agua, un auditorium naturale integrato a perfezione in una particolare formazione vulcanica. Fantastici anche il belvedere del Rio, il monumento al Contadino, il giardino dei Cactus e la sua casa, oggi sede della Fondazione César Manrique.

Joan Miró, Barcellona – Spagna

Visitare barcellonaChi ama Bracellona ama Joan Miró. Il pittore, scultore e ceramista esponente del Surrealismo è nato qui nel 1893 e ha vissuto una vita a caccia del colore. Le sue opere costellano la città catalana e la rendono ancora più viva: tra queste la scultura Donna e uccello che si trova all’interno del parco dell’Escorxador, o il pavimento del Pla di l’Os, sulla Rambla vicino al Mercato della Boquería. Sulla collina del Montjuic si trova, invece, la Fondazione Mirò, un meraviglioso edificio frutto dell’estro di Josep Lluís Sert che ospita ben 11.000 pezzi tra pitture, sculture, tessili e ceramiche. Ottobre, novembre e febbraio sono i mesi in cui volare a Barcellona si spende meno.

LEGGI ANCHE  La montagna oltre. Paesaggio senza confini sul Lago di Dobbiaco

3 – continua

Gli altri articoli

Itinerario d’artista 1: Le città degli artisti famosi

Itinerario d’artista 2: Nel segno di un artista: da Firenze a Varsavia

Itinerario d’artista 3: Nel segno d’artista, luoghi europei da visitare

Itinerario d’artista 4: Le città attraverso i loro artisti

Condividi sui social:

Lascia un commento