Venerdì 19 Agosto 2022 - Anno XX
Viaggio nel futuro dell’ automobile da Las Vegas a Detroit

Viaggio nel futuro dell’ automobile da Las Vegas a Detroit

L’America ha aperto il 2017 con due eventi che hanno interessato più o meno direttamente quasi tutto il mondo dell’automobile e quasi tutte le automobili del mondo.

automobile logo-salone-auto-di-DetroitIl nostro viaggio nel futuro dell’ automobile comincia dai due eventi svoltisi nella Grande Mela. Il primo, Salone dell’Auto dell’anno, tra i più rinomati a livello mondiale, è quello di Detroit: si tiene dal 1965 presso il complesso fieristico Cobo Center, edificio risalente al 1960; mentre in precedenza, dalla prima edizione del 1907, veniva organizzato presso il Beller’s Beer Garden di Riverside Park. Il secondo evento è stato il Consumer Electronic Show (CES) che ebbe luogo per la prima volta a New York 50 anni fa e, dopo un inizio in sordina, si è trasferito a Las Vegas diventando il punto di riferimento internazionale delle nuove tecnologie. La parte automotive ha giocato un ruolo sempre più preponderante e anche all’edizione 2017 i principali marchi del settore sono stati presenti. In entrambe le esposizioni ci ha colpito la quantità di concept (o prototipi come si diceva una volta) che hanno delineato quello che sarà il futuro dell’ automobile.

Guida Autonoma Audi e BMW

automobile audi-q7-piloted-driving-concept-2017-consumer-electronics-showNella guida autonoma le Case automobilistiche, sia per la parte hardware che per quella software, devono cercare partner nel mondo dell’informatica. Il futuro dell’ automobile per Audi passa attraverso la collaborazione con NVIDIA. Proprio al CES la Casa di Ingolstad ha presentato una Audi Q7 a guida autonoma “deep learning concept”: un prototipo in grado di reagire agli imprevisti, prendendo delle decisioni. La telecamera di cui è equipaggiata, connessa con l’unità di calcolo firmata da NVIDIA, permette all’auto di mettere in relazione quello che le sue telecamere e i suoi sensori percepiscono con i comportamenti del guidatore, imparando il modo di agire nelle diverse situazioni. Già nella prossima generazione della Audi A8 che arriverà quest’anno ci sarà il debutto della piattaforma di infotainment supportata dal nuovo processore NVIDIA e la guida semi-autonoma passerà ad un livello superiore. La limousine potrà prendere completamente il controllo nel traffico cittadino, fino a una velocità di circa 60 km/h, grazie anche al lavoro svolto da Mobileye, l’azienda hi-tech israeliana leader nel settore dell’acquisizione immagini per la guida autonoma.

automobile BMW-i-Inside-FutureAnche un’altra casa automobilistica tedesca, la BMW, è stata una delle prime a puntare sul CES di Las Vegas e nel 2017 ha portato il prototipo “i Inside Future”, che apre una finestra sulle tecnologie di domani. Non sembra un’auto date le forme e gli equipaggiamenti essenziali e minimalisti, è una specie di sala di intrattenimento semovente, con l’esperienza dei passeggeri che può essere singolare o di gruppo, dall’ascolto della musica alla visione di contenuti video, seguendo la tendenza che vede sempre più l’ automobile come il terzo “living space” delle nostre vite, dopo l’abitazione e il luogo di lavoro. La guida, ovviamente, è autonoma ed è addirittura l’auto a sapere quando non può fare da sola, il guidatore può prendere il controllo con la piccola cloche che è praticamente l’unica cosa da toccare, visto che tutti gli altri comandi sono vocali, gestuali oppure a sfioramento. Si chiama Holo Active Touch: le dita scorrono sulla superficie del cruscotto senza toccarlo mentre un microproiettore genera un ologramma di quanto si trova nel display che viene proiettato in aria.

Infotainment per FCA

automobile fca-google-uconnect-infotainmentFCA ha presentato la quarta generazione del suo sistema di infotainment UConnect compatibile con Android Auto e Apple CarPla, a cui si aggiunge lo UConnect Theater, ovvero l’intrattenimento per i sedili posteriori che debutterà sulla Chrysler Pacifica ibrida. Ognuno dei due monitor da 10 pollici si trova dietro i poggiatesta della prima fila ed i contenuti possono essere separati su ciascun dispositivo, fornito di app e giochi pre-caricati e quindi disponibili anche online. Le possibilità di connessione sono pressoché totali e vanno dagli smartphone fino ai DVD e ai Blu-ray, e alla Apple TV. Ovviamente non mancano le porte USB e HDMI, così come i touchpad Bluetooth per il controllo remoto e le cuffie wireless.

continua a pagina 2

© RIPRODUZIONE RISERVATA