Venerdì 26 Febbraio 2021 - Anno XIX
Inari, Festival Cinematografico dei Popoli Indigeni

Inari, Festival Cinematografico dei Popoli Indigeni

Nella Lapponia finlandese, sotto un cielo di stelle e l’aurora boreale, si conclude oggi il ventesimo Skábmagovat Film Festival di Inari. Riflettori puntati sul cinema delle nazioni indigene statunitensi e canadesi

Inari Northern Lights Theatre

Northern Lights Theatre © Skabmagovat

Skábmagovat è il festival cinematografico che si svolge ogni anno a Inari, nella Lapponia finlandese, in un ambiente ghiacciato e buio tipico della regione artica. Dal 25 al 28 gennaio i film sono proiettati nel Northern Lights Theatre, in un’atmosfera unica: circondati dalla neve, con il cielo e l’aurora boreale come tetto. I film sono inoltre proiettati negli auditorium del Museo Sámi Siida e nel Centro Culturale Sajos. Il 20° Skábmagovat Film Festival di Inari ha puntando l’attenzione sul Nord America. Il cinema delle nazioni indigene statunitensi e canadesi è sotto i riflettori. La lotta e l’attivismo indigeni svolgono anche il loro ruolo nel programma, con il tema “Evviva la vita“.

Il programma 2018 del Film Festival di Inari

Inari Film Festival ©SKÁBMAGOVAT

© Skabmagovat

Il Nord America ha in programma diversi cortometraggi e anche alcuni più lunghi. La regista Michelle Latimer, che ha diretto i film di Standing Rock Rise 1 e Rise 2, entrambi proiettati al festival, è uno degli ospiti speciali, afferma Aleksi Ahlakorpi, il produttore di Skábmagovat. Quest’anno, Skábmagovat (che significa ‘immagini da kaamos’ mentre ‘kaamos’ è il periodo del giorno artico senza sole) ha più di trenta sessioni di film e oltre sessanta film diversi. Anche se Skábmagovat è un festival cinematografico, il programma contiene anche altri eventi culturali. In connessione con il festival, Niillas Holmberg e Sofia Jannok, due stelle del mondo musicale Sámi, si esibiscono in Inari: Holmberg insieme alla stella estone Siiri Sisask nel Centro Culturale Sajos, e Jannok nel Ristorante Papana a SkábmaFun.

Il cinema Sami

Inari The Sámi Cultural Centre Sajos ©skabmagovat

The Sámi Cultural Centre Sajos ©skabmagovat

Per celebrare il ventesimo festival, è stata organizzata, per la prima volta, una discussione Skábmagovat Lávvu Discussion insieme a Yle Sápmi, i servizi radiofonici della compagnia nazionale Yle. La discussione di Ellos Eallin (Evviva la Vita) è anche trasmessa online su Yle Areena durante il festival e vi partecipano gli attivisti Sámi più interessanti di oggi, come il gruppo Ellos Deatnu (Lunga vita al fiume Deatnu). Interessante la discussione sulla libertà di parola con Sofia Jannok e alcuni ospiti intervenuti a distanza, dichiara Ahlakorpi. Tuttavia, questi eventi extra sono solo una piccola parte del programma del Festival di Skábmagovat: i film indigeni hanno avuto un ruolo principale anche quest’anno. Sweet Country, un western aborigeno di Warwick Thornton, che ha vinto diversi premi in diverse parti del mondo, ha la sua prima Sámi allo Skábmagovat.
Negli ultimi anni, il cinema Sami è cresciuto molto. Oltre a Sami Blood sono stati proiettati dei film più nuovi e più hot di Sápmi nella sezione di cortometraggi. Premiato il cortometraggio di animazione di Anders Sunna e Inga Wiktoria Påven in Inari. E i nuovi cortometraggi di Marja Helander, Per-Josef Idivuoma, Egil Pedersen, Lada Suomenrinne e Katja Gauriloff, aggiunge soddisfatto Ahlakorpi.

Ulteriori informazioni: www.skabmagovat.fi

Leggi anche:

Hitler contro Picasso e gli altri. Ossessione nazista per l’arte

Carlo Mollino, l’architetto-fotografo in mostra a Torino

Verona in Love per la festa degli innamorati

© RIPRODUZIONE RISERVATA