Mercoledì 19 Dicembre 2018 - Anno XVI
La pulizia del riso(Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

La pulizia del riso(Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

Vietnam: le vie del riso

Il Vietnam conserva le vie del riso più suggestive tra le montagne nord-occidentali. Autenticità rurale e ospitalità vietnamita. Incontro con le donne dai sorrisi blu. I Moi, popolo che conserva la propria ricchezza culturale

vie del riso Risaie

Risaie (Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

Le vie del riso sono infinite nel sudest asiatico. In Vietnam le vie del riso più suggestive sono racchiuse, come in uno scrigno, tra le aspre montagne nord-occidentali. Benedette dai grandi corsi d’acqua cinesi, che frontiere e piogge non riescono a fermare. Prepotenti, il fiume nero e quello rosso, nel periodo delle piogge inondano campi e vite degli uomini.
Una vita che in queste zone del Vietnam, un tempo considerate “speciali” e di scarsa produzione del riso, non è sempre stata semplice. Nonostante la bellezza paesaggistica e la ricchezza etnica e culturale di questa terra.

Vie del riso: la terra del Thai bianchi

vie del riso 003-Il-taglio-del-riso

Il taglio del riso (Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

Mai Chau, a pochi chilometri da Hanoi è terra dei Thai bianchi, offre un primo assaggio di autenticità rurale e dell’ospitalità vietnamita. Campi di un verde abbagliante e sullo sfondo le aspre riserve montane, che permettono al riso di maturare come in un enorme calderone.
Tagliatori di immensi bambù e tessitrici di ottima seta, oltre alle immancabili “mondine” locali, accolgono il viaggiatore. Nei percorsi che si attraversano, come in una fiaba, si incontrano anche le donne dai sorrisi “blu”. Una colorazione dei denti ottenuta con la masticazione di un’erba, il betel, che si dice “domi” la fatica. E dai sorrisi misteriosi, passando cento villaggi come Mung Lo, Mu Cang Chai, con i loro piccoli ma coloratissimi mercati, la scuola, l’immancabile campetto della pallavolo, l’onnipresente stella gialla in drappo rosso e un pensiero allo “ZIO HO”, ci si inerpica verso il panoramico passo di Tram Ton.

Giungla, vie del riso e piantagioni di chai

vie del riso 011-a-Coltivazione-di-tè

Coltivazione di tè (Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

Immersi tra giungla, vie del riso e piantagioni di chai. Il profumatissimo tè vietnamita che induce a degustazioni dondolanti su panoramiche amache. E poi all’orizzonte, picchi di arenaria che sembrano pani di zucchero o immensi draghi dalle mille gobbe. Avvolti in soffici nebbie e coperti da un’intricatissima giungla, che ancora oggi rende queste zone un regno difficile da espugnare. Anche dai suoi abitanti, i Moi, i selvaggi, detti montagnards dai francesi, che subirono guerre e pesticidi ma non hanno mai abbandonato la loro terra e la propria ricchezza culturale, che si determina anche nell’abbigliamento (copricapi, gioie, abiti, calzari, ecc), specie femminile, che continua a mantenere viva la tradizione, costituendo anche un richiamo turistico.

Un popolo che non ha abdigato alla globalizzazione

vie del riso 020-Il-mercato

Il mercato (Ph: Donatella Penati M.© Mondointasca.it)

E le donne, ancora una volta, depositarie dell’identità dei popoli. Hmong neri, rossi, bianchi e fioriti. Ben 44 gruppi etnici, che è possibile incontrare, mischiati a turismo ed a terrazze di riso maturo, simili a torte giganti dalle mille sfumature, nella montana cittadina di Sapa. Aperta al turismo dal 1983, nonostante la sua denaturante modernizzazione costituisce però un ottimo punto di partenza per l’esplorazione delle montagne e delle sue genti coloratissime. Ma forse l’anima vera di questi luoghi si respira nei piccoli mercati locali ed in quelli più conosciuti di Bac Ha e Muong Hum. Qui si vedono barbieri all’aperto, mischiati alle gonne plissettate. Venditori di insetti e frutta vicino a macellai sanguinari. Affascinanti venditrici di dolci avvolte nel fumo di mille cucine improvvisate, mischiano sacro e profano. Turisti e locali, cineserie ed artigianato, motorette e maestosi bufali. Un caleidoscopio di umanità che non ha ancora abdicato totalmente alla globalizzazione. Forse perché in questa terra, tra queste genti, come dice il monaco Thic Nhat Hanh, Premio Nobel per la pace, ”Vivere insieme è un’arte”. E qui il “quadro” riesce ancora ad essere perfetto.
Si ringrazia per il sostegno e la collaborazione per questo viaggio il tour operator Asiatica Travel – Stanza 1203, edificio M3-M4, 91 Nguyen Chi Thanh, Hanoi, Vietnam.
Sito ufficiale: http://viaggi.asiatica.com

GALLERIA FOTOGRAFICA

Leggi anche:

Vietnam. Il drago indocinese

Vietnam: a sud nell’acquatica terra del Mekong

Penang, dove pregare è vivere

© RIPRODUZIONE RISERVATA