Domenica 15 Settembre 2019 - Anno XVII
Immagine di una precedente edizione di Tones On The Stones (Foto: Susy Mezzanotte)

Immagine di una precedente edizione di Tones On The Stones (Foto: Susy Mezzanotte)

Tones on the Stones, spettacolo e grande musica in cava sotto le stelle

Dal 20 al 28 luglio ritorna il festival in cava unico al mondo. In una cava di pietra sotto le stelle in Val d’Ossola si inaugurerà con l’Aida. La XIII edizione riserva soprese: i suoni contemporanei di Nextones e No Gravity Show: quando Leonardo arrivò sulla luna

Tones-On-The-Stones_2016_1956

Foto: Susy Mezzanotte

Con l’estate lungo lo stivale è un susseguirsi di grandi e piccole iniziative. La musica però è sempre al centro. Grandi eventi in luoghi inaspettati che si trasformano in enormi palcoscenici. E’ il caso di Tones on the Stones, un “festival in cava” unico al mondo, giunto alla XIII edizione. Negli anni ha prodotto oltre 60 spettacoli e coinvolti più di 1000 artisti.
La rassegna, dal 20 al 28 luglio, si svolge nello spazio industriale della Cava La Beola di Monte a Montecrestese, in Val d’Ossola (VB). Un luogo speciale che si trasforma per alcune serate in un enorme palcoscenico di pietra sotto le stelle. Qui per 355 giorni all’anno regnano sovrani la durezza della pietra e la fatica del cavatore, che da decenni estrae materiali naturali celebri in tutto il mondo.

Tones on the Stones 2019: in prima assoluta Aida

Tones-On-The-Stones_2017_2563_LR

Foto: Susy Mezzanotte

Tones on the Stones è partito dalla felice intuizione del soprano Maddalena Calderoni nel 2007. Come dice Calderoni, ancora al timone della direzione artistica, il festival è nato come proposta inedita nel ricco panorama internazionale dei festival estivi.
Il 20 luglio si inaugura con Aida di Giuseppe Verdi. Sarà la più grande produzione mai presentata da Tones on the Stones. Alla realizzazione ha collaborato il Teatro Coccia di Novara: proiezioni a 270° su tre grandi pareti di roccia alte fino a 30 metri. Uno spettacolo totalmente immersivo con oltre 150 artisti coinvolti su un palcoscenico di pietra lungo 50 metri.

Sbarco sulla Luna e Leonardo da Vinci

Proiezioni sulle pareti della cava

Proiezioni sulle pareti della cava (Foto: Susy Mezzanotte9

Il 23 luglio il festival in cava celebra il 50° anniversario dallo sbarco sulla Luna e i 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci, il genio che ha studiato e sfidato la gravità sognando di volare. Tones on the Stones, con “No Gravity Show – Quando Leonardo arrivò sulla luna“, regalerà al pubblico un vero e proprio spettacolo aereo. Suggestive le proiezioni sulle pareti. Un pianista suonerà sospeso nell’aria: musica live, danza aerea e molti altri contenuti, per un evento di grande emozione.

Danzatrici sospese

Danzatrici aeree (Foto: Susy Mezzanotte)

Dal 26 al 28 luglio la Cava La Beola di Monte si aprirà alla musica elettronica con Nextones, parte integrante del festival dal 2014 e da quest’anno sotto la nuova direzione artistica firmata Threes. Nei tre giorni di programmazione verranno ospitate produzioni artistiche e grandi show, in grado di coniugare coinvolgimento del pubblico e ricerca d’avanguardia. Nextones punta anche quest’anno sull’equilibrio tra eventi serali/notturni in cava e attività di scoperta delle bellezze naturalistiche e paesaggistiche della Val d’Ossola, ideate appositamente per un pubblico giovane e internazionale.
Informazioni su: programma, prevendita dei biglietti, pacchetti speciali (soggiorno+esperienze+biglietti ) sul sito ufficiale www.tonesonthestones.com.

Leggi anche:

Anthropocene: al Mast di Bologna la nuova impronta umana sulla terra

Audrey Hepburn, la donna oltre l’icona nella mostra “Intimate Audrey”

Estate d’Aspromonte tra natura, cultura e attività ludiche

© RIPRODUZIONE RISERVATA