Sabato 13 Agosto 2022 - Anno XX
Artevento Cervia: aquiloni in volo per la pace

Artevento Cervia: aquiloni in volo per la pace

Il Festival Internazionale dell’Aquilone, giunto alla 42ª edizione, si tiene a Pinarella di Cervia dal 22 aprile al 1° maggio. 200 aquilonisti provenienti da 33 paesi coloreranno il cielo con le acrobazie dei loro aquiloni segno di libertà e Pace. Molte le attività dedicate alla sostenibilità. Dieci giorni di divertimento, impegno sociale e didattico.

Artevento-Cervia-locandinaSulla spiaggia di Pinarella di Cervia, dal 22 aprile al 1° maggio torna Artevento, il Festival Internazionale dell’Aquilone. Dal 1981 aquilonisti e aquiloniste provenienti da ogni angolo del pianeta si ritrovano sulla spiaggia romagnola a far danzare nel cielo i loro aquiloni. Dopo lo stop dovuto alla pandemia, la 42esima edizione di Artevento torna e ha per tema “Un Cielo Un Mondo”. Uno spettacolo multicolore che cerca di ribadire concetti come libertà, fratellanza. unità nella diversità quali valori universali.

“L’aquilone è da sempre simbolo di libertà, ma anche di pace”, dice Caterina Capelli, art director del festival più colorato e longevo del mondo. “Per questo abbiamo modificato in corsa il contenuto della 42ª edizione. Volevamo parlare di sostenibilità, invece si parlerà soprattutto di diritti umani, dialogo e inclusione per celebrare la pace; ma soprattutto per dichiarare il ripudio della guerra.” I maestri che muovendo i fili faranno danzare gli aquiloni nel cielo arrivano da 33 paesi che abbracciano tutti i continenti.

Artevento: Aquiloni per la Pace

Artevento-Festival-Aquilone Cervia Ph. ©C. Capelli

Artevento  Cervia (Ph. © C. Capelli)

Ospiti d’Onore di Artevento 2022 i bambini delle comunità presenti sul territorio. Il 25 Aprile saranno accolti come ambasciatori di un forte messaggio di pace dall’abbraccio internazionale dei 200 artisti ospiti. Protagonisti anche di un laboratorio organizzato in collaborazione con il Festival delle Culture per “costruire la pace giocando con l’arte e col vento”. I piccoli portavoce delle diverse comunità ucraine, russe, afgane, libanesi, bulgare, senegalesi, rumene, moldave ecc. insieme agli artisti ospiti daranno vita sulla spiaggia ad un arcobaleno di colori e di voci dal mondo. Tutti uniti nel gridare sempre più forte: No alla guerra!”

Oltre che attraverso il volo collettivo di migliaia di aquiloni d’arte, giganti ed etnici, le esibizioni acrobatiche a tempo di musica e la magia della “Notte dei Miracoli” e dei “Giardini del Vento”; il dialogo fra i popoli sarà celebrato anche dall’annullo speciale commemorativo, realizzato il 25 Aprile da Filatelia Poste Italiane, per storicizzare il tema della 42ª edizione: “AQUILONI PER LA PACE”.

Dieci giorni di gioco e impegno sociale

Festival-aquiloni-Pinarella-di-CerviaNei 10 giorni il festival affronta anche la questione della sostenibilità, confermando il focus sul cambiamento climatico attraverso un approfondimento dedicato alle api. Importante il messaggio “Bee the change” che promuove l’attivazione di comportamenti virtuosi attraverso l’originale approccio alla creatività sostenibile. L’evento celebra anche il valore formativo dell’esperienza del gioco e l’efficacia dell’apprendimento attivo dedicando all’insetto impollinatore. Non mancano attività di workshop e di costruzione di aquiloni. Ci saranno pure appuntamenti di carattere didattico e divulgativo patrocinati da Università degli Studi di Torino, dal suo Dipartimento delle Scienze Agrarie e Forestali e dall’Associazione Bee Human.

Preannunciato anche tanto divertimento per tutti, di ogni età e abilità sul chilometro di spiaggia accessibile gratuitamente e senza barriere. Ogni giorno, a partire dalle ore 10.00, lo spettacolo prevede la più completa rassegna di aquiloni statici ed acrobatici, performance multidisciplinari e dimostrazioni di fotografia aerea con aquiloni, kitesurf, mostre, approfondimenti tematici, spettacoli notturni e laboratori didattici.

Info: www.artevento.com

Leggi anche:

Vinitaly 2022 le nuove tendenze del bere

Acqua e ambiente: l’oro blu di Bressanone

I nuovi modelli del turismo in Italia: territori, prodotto, comunità

© RIPRODUZIONE RISERVATA