Venerdì 12 Aprile 2024 - Anno XXII

Aperta a Milano la prima Brussels House d’Europa

Affari e promozione turistica in un unico luogo con un innovativo concetto di accoglienza esperienziale. Manifesto dell’eco-design e dell’economia circolare brussellese. Avviare nuove sinergie e opportunità tra Bruxelles e Italia.

Brussels House Ambasciatore del Belgio Pierre Emmanuel De Bauw
Pierre Emmanuel De Bauw, Ambasciatore del Belgio

La prima Brussels House inaugurata a Milano è il prototipo di un concetto innovativo primo in Europa. Il design si ispira a una casa domestica come luogo accogliente per presentare, incontrare, ma soprattutto per offrire un’esperienza diretta e tangibile di Bruxelles. Uno spazio polifunzionale nel quartiere milanese di Porta Nuova, destinato a ospitare eventi, workshop, meeting ed esposizioni permanenti e temporanee.

Brussels House taglio del nastro
Il taglio del nastro, al centro il segretario di Stato Pascal Smet

Al piano terra di via De Castillia 23, ci saranno occasioni di incontro con il tessuto produttivo, le istituzioni, il mondo della cultura brussellesi; oltre a sviluppare nuove sinergie e opportunità di collaborazione tra Bruxelles e l’Italia.
All’inaugurazione, il 2 febbraio, della prima Brussels House d’Europa è intervenuto il Segretario di Stato Pascal Smet in rappresentanza del Governo della Regione di Bruxelles-Capitale. Presenti anche il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’ambasciatore del Belgio Pierre-Emmanuel De Bauw, i consoli onorari del Belgio in Italia e rappresentanti della Regione Lombardia.

Brussels House, ambiente ispirato all’accoglienza
Brussels House Milano
Brussels House Milano (ph. p. ricciardi © mondointasca.it)

Accanto agli uffici che ospitano le sedi di hub.brussels e visit.brussels, il fulcro della Brussels House è l’open space centrale. Un allestimento realizzato in collaborazione con gli studi brussellesi oPla Architecture e MBC Atelier.

Si supera il concetto di showroom, attraverso lo sviluppo di un ambiente ispirato all’accoglienza di una vera e propria “maison” brussellese. Un luogo nel quale i prodotti e i servizi protagonisti del “Made in Brussels”, possono dialogare e interagire con i visitatori.

Un living, che permette di valorizzare l’industria del design e, più in generale, tutta la sfera legata alla cultura e alla creatività.  Una cucina, palcoscenico ideale della gastronomia brussellese e delle sue tradizioni, come il cioccolato e la birra belga, patrimonio UNESCO.

LEGGI ANCHE  Una guida per conoscere il Natale degli altri
Promozione turistica e commerciale
Da sx Bontick, Gandini, Pisana, Grippa
Da sx Bontick, Ursula Jone Gandini, Guglielmo Pisana, Isabelle Grippa (CEO di hub.brussels)

Brussels House è lo specchio della spinta che, dopo la pandemia, il nostro governo ha dato all’economia della Regione di Bruxelles Capitale, nell’ottica di una maggiore internazionalizzazione. Brussels House rappresenta una vetrina per le imprese brussellesi sul mercato italiano, ma anche un’opportunità per gli imprenditori, le start-up e le aziende italiane. L’ambizione generale è di creare a Milano, capitale economica dell’Italia, un modello che possa essere replicato anche in altre città europee, a cominciare da Barcellona”. Queste le parole di Guglielmo Pisana, Consigliere Economico & Commerciale per Bruxelles Capitale (hub.brussels).

Ursula Jone Gandini, Direttore Italia Ufficio del Turismo di Bruxelles (visit.brussels) aggiunge: “Per noi questo è un traguardo importante, a conferma della centralità del mercato italiano nelle strategie di sviluppo dei flussi turistici verso Bruxelles. Oltre a essere la nostra sede, la Brussels House ci permetterà di avvicinare il pubblico agli highlights della destinazione, scoprendo in chiave esperienziale le molteplici sfaccettature della città. Per il momento le iniziative saranno rivolte ai professionisti del turismo: abbiamo in calendario academy day, presentazioni e workshop con la partecipazione dei rappresentanti dell’offerta turistica locale”.

Leggi anche:

Carnevale in Basilicata e Puglia: Aliano, Manfredonia, Montescaglioso

Al Festival di Sanremo l’Etna si gusta nel gin

San Valentino in Irlanda del Nord

Condividi sui social:

Lascia un commento