Giovedì 13 Giugno 2024 - Anno XXII

Gole dell’Alcantara: quando la natura dà spettacolo

Gole dell'Alcantara ingresso dalla spiaggetta

Nella Sicilia Orientale si trova il Parco Botanico e Geologico delle Gole dell’Alcantara. Le Gole sono una meraviglia della natura con pareti di roccia basaltica formatasi nel corso di millenni. Nel Parco percorsi per escursioni a piedi, in bicicletta, in bus elettrici, oppure attraverso sport fluviali.

Sentiero spiaggetta verticale
Sentiero spiaggetta

Tra le bellezze naturali a pochi chilometri da Taormina c’è il Parco Botanico e Geologico delle Gole dell’Alcantara. Le gole si trovano nel territorio del comune di Motta Camastra e sono conosciute anche con il nome di Gole di Larderia. Sono canyon di rocce dove le pareti cadono a strapiombo sul fiume. La Gola di Alcantara è una meraviglia geologica tutta italiana. Da Letojanni e da Taormina è possibile servirsi del bus Hop-on Hop-off e raggiungere diverse località dell’entroterra messinese per conoscerle più da vicino con una spesa di € 16,00 per l’intera corsa.

Vengono toccate le seguenti località: Letojanni, Caparena, Mazzarò, Isola Bella, Capo Taormina, Giardini Naxos e Naxos, Recanati, Gaggi, Graniti, Gole Alcantara, Motta Camastra, Francavilla, Castiglione. Al ritorno il bus passa per Castelmola, ridente cittadina arroccata sulla collina e considerata uno dei borghi più belli d’Italia.

Il Parco e le Gole dell’Alcantara
Gole dell'Alcantara rocce basaltiche
Le rocce basaltiche a strapiombo sul fiume

Per visitare il Parco dell’Alcantara si può scegliere di percorrere tutto l’itinerario del parco a piedi oppure scendere attraverso l’ascensore ed approdare alla spiaggetta delle gole e ammirare le prime cascate. Qualunque sia il percorso, è d’obbligo indossare abbigliamento e calzature idonee al trekking.
Le Gole sono ubicate nella Valle dell’Alcantara, dove termina la catena montuosa dei Peloritani e prendono il nome dal fiume Alcantara che sfocia nel Mar Jonio, all’altezza di Capo Schisò nei pressi di Giardini-Naxos, dopo un percorso di 53 chilometri.

Appena giunti vi troverete di fronte a canyon costituiti da pareti nere laviche con un’altezza da 25 a 50 metri e larghe 5. L’alveo del fiume lo si fa risalire a 300.000 anni fa. Questa attrazione naturale è il risultato di fenomeni geologici e vulcanici verificatesi negli ultimi 8.000 anni. Curiosamente, il nome Alcantara, di derivazione araba significa “ponte”, non è presente solo in Sicilia ma anche in alcuni stati dove vi sia stata la dominazione musulmana oppure spagnolo-portoghese. Lo si trova nella penisola Iberica, in America Latina, in Africa.

LEGGI ANCHE  Maldive, turisticamente parlando
La formazione e le colate laviche
Sentiero Gole Alcantara
Sentiero lungo le Gole

Il corso del fiume è sicuramente mutato nello scorrere dei millenni dovuto a fenomeni idrografici di spostamento dell’alveo del fiume verso nord. Nel letto del fiume, infatti, sono state riversate grandi quantità di colate laviche molto fluide, di origine basaltica, fuoriuscite dalle fratture eruttive del vulcano a più riprese. Saranno proprio le varie eruzioni a modificare continuamente l’aspetto morfologico della Valle dell’Alcantara che può essere cosi sintetizzata: a) una prima colata lavica invade il letto del fiume; b) le acque del fiume continuano ad erodere i depositi sedimentari a contatto con la colata formando nuovi canyon a loro volta invasi da altre colate in un processo sempre in evoluzione finché ci saranno i fenomeni eruttivi.

Lo spettacolo è un mix di rocce nerastre unito a spontanea vegetazione che fuoriesce dalle fenditure basaltiche nonché dalle acque del fiume la cui portata della corrente cambia a seconda delle condizioni climatiche.

I sentieri del Parco delle gole dell’Alcantara
Escursione nel tunnel dei fichi d'india
Escursione nel tunnel dei fichi d’india

Vi sono escursioni adatte a qualsiasi esigenza: lunghe, corte, in salita e in discesa, a piedi, in bicicletta, in bus elettrici, oppure attraverso gli sport fluviali. Ecco le principali: 
Sentiero delle Gole, il più completo, permette di avere una panoramica totale di tutto il parco fluviale; 
Spiaggetta, un sentiero con diversi punti panoramici; 
Sentiero della Saja molto lungo che conduce fino alla Cava (parete di roccia vulcanica); 
– il Sentiero Eleonora che attraversa spiagge, cascate, gole; 
– Sentiero del Giardino Mediterraneo.

All’interno del parco si trovano una sala multimediale 4D ed il MOL -Museum of Land- dove sono esposti disegni geologici, fotografie e reperti fossili.

LEGGI ANCHE  Albania: i mille volti di un Paese da scoprire
Servizi e attrezzature

Parco Botanico Gola dell'AlcantaraIl Parco Botanico e Geologico è stato istituito oltre 50 anni fa per stimolare e diffondere l’interesse per l’ambiente. La superficie è di circa 100 ettari tra agrumeti, oliveti, pascoli, boschi, flora e fauna tipica. Tra i servizi offerti troveremo le aree per picnic; il bar e self service, shop di souvenir, bagni, ristorante pizzeria e ampio parcheggio.

La natura è tipica della macchia mediterranea con noccioleti, ulivi, fichi d’india, pioppi, betulle. Tra i fiori anemoni, viole, orchidee e papaveri. Il mondo animale è rappresentato dalla garzetta, un piccolo airone bianco con un lungo e sottile becco nero, il gatto selvatico, la martora, il quercino, piccolo roditore, la lepre comune, l’istrice, il riccio e la donnola. Nelle acque si trovano trote, carpe, rane e rospi.

Informazioni: https://www.golealcantara.it/

Leggi anche: 

VALLE AURINA: A UN PASSO DAL CIELO

UMBRIA EN PLEIN AIR CON ITINERARI D’ACQUA

LETOJANNI OLTRE TAORMINA

Condividi sui social: