Sabato 3 Dicembre 2022 - Anno XX
La meta per il 2012 è Londra

La meta per il 2012 è Londra

La capitale del Regno Unito è tollerante e trasgressiva e ora ha aperto le porte anche agli 007 gay. Un week-end a Londra potrebbe rivelarsi molto eccitante. Molte gli eventi in programma: dal Giubileo della Regina alla terza Olimpiade, alle celebrazioni di Leonardo da Vinci alla National Gallery

 

Regalarsi un lungo week-end omosex a Londra potrebbe rilevarsi molto eccitante. Da sempre la capitale del Regno Unito è considerata molto tollerante e trasgressiva, ma la notizia, di solo qualche giorno fa, che l’MI5, il servizio di controspionaggio britannico, ha aperto le porte alle spie gay, dopo aver messo per anni al bando in modo non ufficiale le spie omosessuali, perché ritenute troppo suscettibili di corruzione per potere essere ammesse ai segreti dell’intelligence, guadagnandosi addirittura dal gruppo Stonewall, che da anni si batte per i diritti degli omosessuali, il titolo di datore di lavoro più “gay friendly”, potrebbe caricare d’avventura il vostro soggiorno londinese, con risvolti a dir poco sorprendenti.

Si parte da Old Compton Street, la strada più gay d’Europa

Shaftesbury Avenue by night
Shaftesbury Avenue by night

Del resto si sa, gli 007 sono intriganti e misteriosi per contratto e nella zona di Soho, famosa per essere il cuore della vita notturna gay, potrebbe capitarvi di imbattervi in un agente in borghese. Cosa di cui non avrete mai comunque conferma visto che un agente segreto non svelerà mai la sua vera identità, neanche sotto tortura. Peccato! A complicare le cose anche la lunga lista di locali dove poter sperare di fare un incontro “strano”. Al Comptons, ad esempio, anfibi e bomber sono l’uniforme abituale. Quindi non lasciatevi ingannare dall’apparenza. Nessuna licenza di uccidere per le ragazze che frequentano il Candy Bar, il primo locale londinese dedicato solo alle donne. Più congeniale a una spia in incognito potrebbe essere il The Edge, che con i suoi quattro piani, è una specie di Empire State Building, in cui lasciarsi andare al puro divertimento, dalla doppia identità: di giorno ristorante, di sera animato nightclub. Il Friendly Society è, invece, un locale intimo meta obbligata prima delle serate in discoteca, che sprigiona sex appeal da ogni angolo.

Non solo Soho. Ecco cosa c’è da fare e vedere a Londra

La regina Elisabetta II interpretata da Andy Warhol
La regina Elisabetta II interpretata da Andy Warhol

Ma perché limitarsi solo a Soho visto che il 2012 per Londra sarà un anno molto particolare, ricco di avvenimenti unici, irripetibili che segneranno per sempre un ricordo indelebile. La città si prepara a ospitare la sua terza Olimpiade (è ancora disseminata di cantieri) e anche se i Giochi sono lontani (la cerimonia di apertura è prevista il 27 luglio) presto sarà invasa di atleti e supporter provenienti da ogni parte del mondo. Come se non bastasse si avvicina il Queen’s Diamond Jubilee, ovvero il 60esimo anniversario dell’ascesa al trono della regina Elisabetta II. Le celebrazioni del giubileo della Regina si concentreranno maggiormente nel weekend del 2 giugno, ma per tutto l’anno sarà possibile rendere omaggio alla Sovrana attraverso eventi e mostre ovviamente indicate solo per veri appassionati della famiglia reale.

Se, invece, avete in programma un viaggio nel breve periodo, fino al 5 febbraio la National Gallery celebra Leonardo da Vinci con una grande esposizione sul suo lavoro alla corte di Ludovico Sforza, Duca di Milano. Da vedere sempre che riusciate ad aggiudicarvi i biglietti (l’ingresso è a numero chiuso, 180 visitatori ogni mezzo’ora): la Vergine delle Rocce, in prestito dal Louvre, e la Dama con l’ermellino, arrivata dal museo Czartoryski di Cracovia. Per gli amanti dell’arte contemporanea la Saatchi Gallery ospita fino al 30 aprile la mostra Gesamtkunstwerk: New Art From Germany, che offre una panoramica di 24 artisti tedeschi, tra cui spicca George Herold, con le sue coloratissime sculture antropomorfe.. Anche se il vero appuntamento da non perdere sarà il WorldPride (dal 23 all’8 luglio con parata il 7). Per poter dire “io c’ero”.

Per creare il vostro viaggio a Londra www.londonandpartners.com

(17/01/2012)

© RIPRODUZIONE RISERVATA