Lunedì 17 Giugno 2024 - Anno XXII

Betlemme tecnologica

Betlemme accoglie ogni anno oltre un milione di turisti da tutto il mondo. È proprio il suo passato affascinante a essere la leva principale del turismo: la risorsa più significativa per l’economia locale di questa piccola città di circa 25mila abitanti. Ad aiutare Betlemme nel lavoro quotidiano di accoglienza e supporto ai turisti ora c’è anche una guida elettronica innovativa progettata e realizzata in Trentino. Il progetto è stato ideato dall’Università di Trento, attraverso lo spin-off OKKAM s.r.l. e collaborazione con il Sina Institute della Birzeit University e il Centro per la tutela del patrimonio culturale (CCHP).La guida elettronica è … Leggi tutto

Betlemme tecnologica

Betlemme accoglie ogni anno oltre un milione di turisti da tutto il mondo. È proprio il suo passato affascinante a essere la leva principale del turismo: la risorsa più significativa per l’economia locale di questa piccola città di circa 25mila abitanti. Ad aiutare Betlemme nel lavoro quotidiano di accoglienza e supporto ai turisti ora c’è anche una guida elettronica innovativa progettata e realizzata in Trentino. Il progetto è stato ideato dall’Università di Trento, attraverso lo spin-off OKKAM s.r.l. e collaborazione con il Sina Institute della Birzeit University e il Centro per la tutela del patrimonio culturale (CCHP).

La guida elettronica è stata costruita utilizzando la piattaforma ObjectLinks che permette di utilizzare in modo molto più flessibile lo strumento dei QR code per comunicare con utenti dotati di smartphone e tablet, migliorando l’esperienza della visita a Betlemme. Passeggiando nella parte antica della città i turisti possono leggere i codici QR con i loro smartphone e ascoltare automaticamente un’audioguida nella propria lingua, guardare video e leggere approfondimenti, mentre l’ente di valorizzazione culturale di Betlemme può modificare o aggiungere contenuti senza dover mai cambiare i codici QR esposti in città.

L’iniziativa per ora coinvolge otto importanti siti di significato storico e culturale della città, tra cui la Basilica della Natività, Manger Square e Star Streeet. Dalla sua introduzione, qualche settimana fa, il sistema è stato già utilizzato già da centinaia di turisti locali e stranieri in visita a Betlemme che ne hanno apprezzato la semplicità d’uso, la facilità di navigazione e la completezza dei numerosi contenuti multilinguistici. Maggiori informazioni sul progetto: http://sina.birzeit.edu/SIERA

(01/09/2014)

LEGGI ANCHE  Scoprire la Chinatown di Milano
Condividi sui social: