Martedì 16 Luglio 2024 - Anno XXII

Alla scoperta del Decumano perduto

Le strade del centro di NapoliL’associazione culturale “Insolitaguida” di Napoli inaugura il nuovo anno con una nuova passeggiata narrata dal titolo “Alla scoperta del Decumano perduto” dedicata alla visita del Decumano Superiore, ovvero il tracciato che segnava il confine settentrionale del Centro Antico di Napoli. Si tratta di uno degli itinerari più evocativi, ma stranamente anche più trascurato, dell’antica Napoli. Attraverso queste strade sarà possibile immergersi nel passato di Napoli rivivendo i resti di quattro epoche differenti: greco-romana, medioevale, rinascimentale e barocca.Prima tappa di questo insolito percorso è il punto più alto del centro antico di Napoli: la chiesa di … Leggi tutto

Le strade del centro di Napoli
Le strade del centro di Napoli

L’associazione culturale “Insolitaguida” di Napoli inaugura il nuovo anno con una nuova passeggiata narrata dal titolo “Alla scoperta del Decumano perduto” dedicata alla visita del Decumano Superiore, ovvero il tracciato che segnava il confine settentrionale del Centro Antico di Napoli. Si tratta di uno degli itinerari più evocativi, ma stranamente anche più trascurato, dell’antica Napoli. Attraverso queste strade sarà possibile immergersi nel passato di Napoli rivivendo i resti di quattro epoche differenti: greco-romana, medioevale, rinascimentale e barocca.

Prima tappa di questo insolito percorso è il punto più alto del centro antico di Napoli: la chiesa di Sant’Aniello a Caponapoli, dove un restauro ha reso possibile la convivenza del passato con il presente. Si prosegue attraversando una zona ricca di fabbriche religiose e soprattutto ricca di storie e curiosità che aspettano solo di essere raccontate. Altra chicca che si incontrerà durante il percorso è una scala particolare con scalini molto bassi e pavimentati in mattoni e ciglio in piperno, realizzati per permettere a quanti abitavano il palazzo di giungere direttamente agli appartamenti in groppa ai cavalli. La passeggiata prosegue per la zona propriamente detta dell’Anticaglia dove si scopriranno gli aspetti più nascosti ed intriganti di questo angolo di Napoli, fino ad arrivare nella casa dove visse Torquato Tasso. D’obbligo infine la visita alla chiesa di Regina Coeli, perla del rinascimento e barocco napoletano con il suo singolare campanile ottagonale, unico nel suo genere.

Per info e prenotazioni: 338 965 22 88

(19/01/2015)

LEGGI ANCHE  Pompei, al via restauro di calchi delle vittime eruzione 79 d.C.
Condividi sui social: