Mercoledì 19 Giugno 2024 - Anno XXII

Valencia inaugura il Museo della Seta

Museo della Seta

Nel quartiere storico di Velluters di Valencia, inaugurato il Museo della Seta che ospita la più vasta raccolta di documenti in Europa appartenenti a una singola corporazione

SetaIl Colegio del Arte Mayor de la Seda riapre le sue porte e inaugura il Museo della Seta, arricchendo così il percorso della Ruta de la Seda (la via della Seta) che vede Valencia al centro del programma UNESCO per la conservazione del percorso storico di una delle vie del commercio più importanti della storia. Questo edificio del 1400 è uno degli esempi più notevoli dello stile architettonico e artistico valenciano e si trova nel quartiere storico di “Velluters”, che prende il nome dai tessitori di velluto che a centinaia lavoravano nelle vie del centro della città.

Museo della Seta, manoscrittoIl museo della seta è ricco di informazioni che permettono di immergersi nel mondo del commercio e della produzione della seta e cogliere così il ruolo centrale che tale attività aveva per l’intera città: le illustrazioni, i vestiti d’epoca realizzati con il prezioso tessuto e soprattutto i reperti storici (tra cui l’ultimo esemplare di telaio originale completamente restaurato e funzionante), rendono ancora più vivida l’esperienza del visitatore.
Proprio qui viene custodito l’archivio del Colegio del Arte Mayor de la Seda, la più ampia raccolta di manoscritti e documenti appartenenti a una singola corporazione in tutta Europa: un patrimonio di inestimabile valore storico che ha permesso studiare a fondo l’evoluzione del commercio di Valencia in un’epoca di grande espansione economica per la città.

Museo della Seta, informazioni utili

Il museo è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 19 dal martedì al sabato e dalle 10 alle 14 il lunedì, la domenica e nei giorni festivi; è possibile prenotare la visita guidata anche in italiano che viene organizzata tutti i giovedì, venerdì e sabato alle 10 e alle 16.
www.museodelasedavalencia.com

LEGGI ANCHE  Inaugurato il rifugio Marco Balicco all’Azzaredo
Condividi sui social:

Lascia un commento