Sabato 21 Luglio 2018 - Anno XVI
Rocchetta di Torri in Sabina (foto: Andrea Di Palermo)

Rocchetta di Torri in Sabina (foto: Andrea Di Palermo)

Alla scoperta dell’oro della Sabina

Borghi medievali, resti archeologici, abbazie, chiese, castelli, la qualità dei prodotti tipici fanno della Sabina, in provincia di Rieti, un territorio da visitare e assaporare in ogni sfumatura. L’oro di questa terra sono i caratteristici oliveti, con olivi monumentali, e l’olio che si produce

Sabina olivo-monumentale

Olivo monumentale

La Sabina è senza dubbio uno dei luoghi più belli d’Italia: il fascino dei suoi borghi medievali, le dolci colline che degradano dai Monti Sabini e dei suoi caratteristici oliveti, insieme all’alta qualità dei prodotti tipici ne fanno una meta tutta da scoprire, da esplorare con calma per assaporarne ogni sfumatura. Un luogo frutto di storia antica che custodisce resti archeologici, castelli monumentali, chiese, abbazie, santuari di notevole pregio, ma è soprattutto una terra che fin dall’antichità si è contraddistinta per una profonda vocazione agricola, particolarmente incentrata sulla coltivazione dell’olivo e sulla produzione dell’olio d’oliva. Ed è proprio la produzione di questo prezioso alimento – per il quale la Sabina ha ottenuto il riconoscimento della Dop (Denominazione di Origina Protetta) – a rappresentare uno dei maggiori elementi di attrazione dell’area, sopratutto per la presenza di moltissimi olivi monumentali. Questi alberi che da tempo immemorabile rendono unico il paesaggio dei colli sabini, spesso mantengono ancora una notevole capacità produttiva, continuando dopo migliaia di anni a produrre lo stesso prezioso olio che da sempre accompagna i migliori piatti della tradizione romana. Dentro questi prodotti tipici come l’olio c’è un intero mondo, c’è l’unicità di questa terra, dei suoi odori e sapori, il sapere accumulato attraverso secoli di storia e la capacità di innovazione insieme alla bellezza dei luoghi e delle loro tradizioni.

L’olio in Sabina risale a duemila anni fa

Sabina bruschetta-con-olio-dop

Bruschetta con olio dop della Sabina

La coltivazione dell’olivo e la produzione di olio in Sabina risale a oltre 2000 anni fa, come testimonia la presenza, poco lontana dalla splendida Abbazia di Farfa, dell’olivo più antico d’Europa. Tutto il territorio è disseminato di frantoi e oliveti,  a dimostrazione della rilevanza socio-culturale ed economica  che l’olio ha assunto per la Sabina. Oggi partecipare alla raccolta delle olive, alla molitura, all’assaggio dell’olio nuovo, non è più un privilegio per pochi fortunati, ma grazie al progetto Lazio Terre dell’Olio ed alla Strada dell’Olio della Sabina, questa esperienza è aperta a tutti gli estimatori.

Offerta turistica integrata per la crescita economica

Sabina frantoio“Lo sviluppo del settore turistico rappresenta una delle migliori opportunità di crescita economica per la nostra provincia, tenuto conto della presenza di un mix di risorse riconducibili al suo articolato sistema produttivo agricolo, artigianale, turistico, naturalistico e culturale”, ha  spiegato Vincenzo Regnini, presidente della Camera di Commercio di Rieti. “In tale contesto, per valorizzare le aree caratterizzate dalla presenza di produzioni olivicole di qualità, sono stati organizzati dei tour anche hanno coinvolto la stampa, per mostrare un’offerta turistica di tipo integrato in cui il paesaggio, caratterizzato dall’olivo, è alternato alle piccole aziende che producono l’ottimo olio extravergine della prima Dop d’Italia, la Dop Sabina”. Nel corso dell’educational tour sono stati visitati alcuni “piccoli tesori della Sabina”, tra cui il Museo dell’olio, un olivo millenario e un moderno frantoio oleario.

Leggi anche:

Cinque Stelle al giornalismo

Bocuse d’Or: la nazionale italiana degli chef si allena ad Alba

Il Museo della Diocesi Matera-Irsina riapre al pubblico

© RIPRODUZIONE RISERVATA