Mercoledì 15 Luglio 2020 - Anno XVIII
Sorelle d'Unesco: Andria, Matera, Alberobello, Castel Sant'Angelo

Sorelle d'Unesco: Andria, Matera, Alberobello, Castel Sant'Angelo

Sorelle Unesco, nasce un ponte tra Puglia e Basilicata

Pubblico e privato formulano un’offerta turistica innovativa. Coniugare i luoghi della cultura Patrimoni Unesco e i luoghi dell’eno-gastronomia. Coinvolti i comuni di Alberobello, Matera, Monte Sant’Angelo e Andria

Sorelle d' Unesco sorelle UnescoE’ stato firmato a Monte Sant’Angelo il protocollo di intesa tra i comuni di Alberobello, Matera, Monte Sant’Angelo e Andria che mira alla formulazione di un’offerta turistica innovativa e unica. Una rete per dare vita a un circuito tra Puglia e Basilicata, per promuoverne le bellezze e creare un’offerta turistica unica e inedita. I Sassi di Matera, i Trulli di Alberobello, Castel del Monte ad Andria e i due siti UNESCO di Monte Sant’Angelo (il Santuario di San Michele Arcangelo e le faggete vetuste della Foresta Umbra) insieme per la promozione turistica integrata dei Siti Patrimonio mondiale dell’Umanità. Questo è «Sorelle d’ UNESCO – quando l’ UNESCO fa la forza», il progetto a cui stanno lavorando i Comuni pugliesi e lucani per creare una «destinazione di forte appeal internazionale, profilando un pacchetto da istituzionalizzare e da veicolare attraverso una proposta concertata tra pubblico e privato».

Sorelle d’ Unesco per valorizzare il turismo culturale

Sorelle d' Unesco le delegazioni Unesco

Le delegazioni Unesco

Promosso dal distretto 2120 Puglia e Basilicata del Rotary International, il progetto vedrà l’istituzione di un tavolo di concertazione pubblico e privato con gli obiettivi, tra gli altri, di «valorizzare il turismo culturale UNESCO interregionale, soprattutto in una prospettiva di destagionalizzazione; favorire una maggiore accessibilità al patrimonio UNESCO; incrementare le ore di permanenza in loco attraverso una maggiore costruzione di esperienze turistiche». «La firma di questo protocollo d’intesa è un ulteriore importante passo per una promozione del territorio che faccia sistema tra le bellezze della nostra terra – ha commentato il sindaco di Alberobello, Michele Longo – fare rete tra i nostri patrimoni dell’umanità garantirà un ampliamento e un miglioramento dell’offerta turistica nell’ottica di una valorizzazione dei nostri beni nel segno, come dice il protocollo, di un turismo esponenziale soprattutto in chiave slow ed enogastronomica».

Siti Unesco per una proposta turistica diversificata

Sorelle d' Unesco sindaci Unesco

I sindaci dei comuni Unesco

Tra i risultati attesi dalla realizzazione una maggiore attenzione dei turisti verso i siti UNESCO di Puglia e Basilicata, un aumento progressivo di presenze, una diversificazione della proposta rispetto alle mete turistiche tradizionali, la creazione di una offerta turistica integrata grazie alla collaborazione tra pubblico e privato che coniughi i luoghi della cultura con quelli dell’enogastronomia.
Il protocollo d’intesa servirà anche a favorire la promozione turistica e l’accoglienza dei grandi flussi di visitatori in vista di Matera 2019, capitale della Cultura.

Leggi anche:

Campi estivi nelle Oasi del WWF Italia: sport, avventura, divertimento

Grand Tour delle Marche al Castello di Frontone

Le città d’ arte motore di crescita per il turismo

© RIPRODUZIONE RISERVATA